Russia Trincea del Bene

(…) In un Paese in guerra non può esistere il capitalismo, ma solo la solidarietà (…)

Aleksandr Dugin

Anche Mosca è una città in prima linea, proprio come Donetsk, Sebastopoli e Belgorod.

Un Paese in guerra non può avere città pacifiche.
È meglio rendersene conto subito e profondamente.
E naturalmente, in un Paese in guerra devono essere introdotte misure speciali di comportamento, regole speciali.

Il territorio del fronte interno non è il territorio della pace. È qui che si forgia la vittoria. Le vittime del Crocus sono cadute sul campo di battaglia. Perché la Russia di oggi è un campo di battaglia.

Anche l’Ucraina è Russia, è la stessa Russia continua da Lvov a Vladivostok, ed è in guerra.

La coscienza pubblica deve diventare la coscienza di una nazione in guerra e chi si discosta da questo deve essere considerato un’anomalia.

Ci deve essere un nuovo codice di comportamento.
Gli abitanti di una nazione in guerra potrebbero non tornare quando escono di casa.
Tutti devono essere preparati a questo.

Questo è esattamente ciò che sta accadendo al fronte, a Donetsk e a Belgorod.

L’UE probabilmente fornirà missili a lungo raggio al regime perdente di Kiev, che ai nostri occhi perderà definitivamente la sua legittimità in meno di due mesi.

Lo riconosceremo finalmente come un’entità terroristica criminale, non come un Paese, e questo regime palesemente terrorista, una volta caduto, probabilmente colpirà anche il più lontano possibile.

Su cos’altro farà è difficile fare ipotesi: meglio non ipotizzare nulla.
Ciò non è un motivo di panico, ma una richiesta di responsabilità.

Stiamo diventando davvero un popolo, stiamo iniziando a capire che siamo un popolo, e il popolo ha un dolore comune.
Un sangue comune: il sangue donato dalle enormi code di moscoviti indifferenti alle vittime del mostruoso attacco terroristico.

Una sofferenza comune.
Il popolo ha una tariffa comune quando la gente accompagna gratuitamente le vittime nel municipio di Crocus all’ospedale o a casa.

È come al fronte, il proprio fronte.
In un Paese in guerra non può esistere il capitalismo, ma solo la solidarietà.

Tutto ciò che viene raccolto per il fronte, per la Vittoria, è permeato di anima e lo Stato non è più un meccanismo, ma un organismo.

Anche lo Stato sente il dolore, prega in chiesa, fa le commemorazioni, mette le candele.
Lo Stato diventa vivo, popolare, russo.
Perché lo Stato è risvegliato dalla guerra.

I migranti oggi sono chiamati a diventare parte organica della nazione in guerra contro il nemico, a diventare il loro stesso popolo, fatto di quelli che donano il sangue, che guidano gratuitamente quando è necessario, che fanno la fila all’ufficio di arruolamento militare per essere i primi ad andare al fronte, che tessono reti mimetiche, che escono al terzo turno.

Se fanno parte della società, a un certo punto anche loro possono diventare un bersaglio del nemico.

Uscire e non tornare.
Uno dei ragazzi che hanno salvato le persone a Crocus Hall si chiama Islam.
Questo è il vero Islam, quello russo, poi c’è un altro Islam.

Quando si vive in Russia, non si può essere non russi.

Soprattutto quando la Russia è in guerra.
La Russia è un Paese per chi la considera la propria Madre, che ora sta soffrendo.

(Fonte https://t.me/ideeazione)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *