Nel Programma Di Fdi Ce N’È Per Tutti!

Nel corposo programma di FDI ce n’è per tutti. Ad una prima lettura si viene immersi in una prospettiva di paese ideale che, subito, diventa ipocrita se si pensa a chi lo ha ideato.

In merito alla parte relativa a obbligo vaccinale e green pass, il programma enuncia chiaramente la contrarietà del partito a tali misure. Ma davvero la  Meloni pensa che milioni di italiani perseguitati, discriminati, trattati come i peggiori delinquenti potranno dare fiducia a chi, in questi 30 mesi, ha votato prima e sponsorizzato poi le peggiori nefandezze legislative lesive di diritti fondamentali?

Come può un docente, sospeso prima, e demansionato poi, un sanitario sospeso o radiato, un qualsiasi lavoratore obbligato a sottoporsi ad un TSO per portare il pane a casa, dare fiducia a chi ha contribuito a creare tale abominevole situazione?

A certi proclami può abboccare l’italiano con la memoria corta, forse l’italiano che ha trovato l’escamotage per andare avanti, ma non certo chi non si è piegato ad alcun ricatto.

O forse il proclama di FDI dà la misura di quanto il fronte del dissenso si sia ampliato con chi, pur assecondando inizialmente il sistema, ha avuto un sussulto di orgoglio e dignità e ha deciso di dire basta?

O sarà forse l’ormai acclarata messa al bando del protocollo criminale “tachipirina e vigile attesa” e la conseguente, seppur timida, riabilitazione delle cure domiciliari a spingere FDI a cavalcare l’onda del dissenso?

Agli italiani l’ardua sentenza, o meglio, la scelta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.