URSS o cara!

Via via che la Repubblica, pezzo dopo pezzo, si realizza, il Duce si sposta sempre più a sinistra.

Dice Guglielmo Salotti:
“Indubbiamente Mussolini non poteva non essere rimasto lusingato dagli apprezzamenti, riferiti più volte da Bombacci, espressi a suo tempo nei suoi riguardi, da Lenin (“uomo nato per la rivoluzione”, “unico socialista serio in Italia”); ed era arrivato al punto di affermare, il 3 marzo 1944, che la Repubblica Sociale Italiana era l’unico governo esistente autenticamente socialista, con la sola possibile eccezione della Russia sovietica.” Le parole del Duce furono esattamente queste: “L’Italia è il primo paese, dopo la Russia, che bandisce un così sostanziale e non equivoco decreto sulla socializzazione quale quello approvato nel Consiglio dei ministri del 12 febbraio, e di cui si vedranno prestissimo le prime concrete attuazioni…”

Nuovamente il Salotti: “.
…nel giugno ’44, sull’ultimo numero della rivista fiorentina “Italia e Civiltà” – che oltretutto, come rileva Domenico Settembrini, non figurava fra le testate più dure e “sociali” ( era la rivista dell’Accademia d’Italia.
N.d.A.) – Ardengo Soffici (l’articolo non è firmato, l’attribuzione è quindi probabile), dopo aver espresso l’ammirazione per i russi che “si sono battuti con l’animo di un popolo che ha compiuto la sua rivoluzione fino in fondo”, e la stima per Stalin che “bada a vincere la guerra”, mentre Churchill e Rooselvet si perdono in chiacchiere, arriva a scrivere etc.etc.etc.”

Ma vediamo nella sua integralità il brano sofficiano cui il Salotti fa riferimento: “E sappiano finalmente Rooselvet e Churchill e tutti i loro compari, che i fascisti più consapevoli, i quali hanno sempre riconosciuto nel comunismo la sola forza viva contraria alla propria, non tanto nella Russia quanto nella plutocratica Inghilterra e nella plutocratica America hanno individuato il vero nemico.

Sempre essi hanno sentito di discordare, sì, dai comunisti su molti punti, ma anche di concordare con essi su molti altri, e precisamente e soprattutto di concordare su ciò che non vogliono. Vale a dire, noi e i comunisti concordiamo nel non volere più, né gli uni né gli altri, la vecchia società borghese, liberale, capitalistica.

E sappiano anche, i Rooselvet, i Churchill e i loro compari, che quando la vittoria non toccasse al tripartito, i più dei fascisti veri che scampassero al flagel-lo, passerebbero al comunismo, con esso farebbero blocco.” (La sottolineatura è nel testo. N.d.A.)

Ora, il Lettore comprende benissimo che posizioni così organiche, autorevoli, impegnati-
ve, addirittura straordinarie e strabilianti potremmo dire, Ardengo Soffici non era solo un intellettuale prestigioso, ma anche il direttore della rivista ufficiale dell’Accademia d’Italia – non si prendono senza le debite autorizzazioni “de li superiori”.

Ma vediamo come sempre il Salotti chiosa l’iniziativa del Soffici: “Demagogia? Propaganda?
Un po’ difficile sostenerlo, quando si pensi che in quel giugno 1944 alle porte di Firenze non c’erano i sovietici, ma le armate delle “plutocratiche” Inghilterra e America.

Per Mussolini, comunque, l’avence alla Russia rientrava anche in una sorta di “politica dei ponti” gettati all’esterno e all’interno verso l’altra sponda, una politica che trovò sempre tenaci avversioni in alcuni settori del Partito, in particolare in Roberto Farinacci.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *