SABATO 9 DICEMBRE! ROMA! NOI TORNIAMO IN PIAZZA… TU CHE FAI?

Il sindaco Gualtieri, travestito da eco-guru, tenta di convincere i romani che la Ztl è il balletto green del secolo.

La folla ride sarcastica, pensando che forse dovrebbe prendere lezioni di comicità anziché imporre restrizioni strampalate.

@litaliamensile

SABATO 9 DICEMBRE! ROMA! NOI TORNIAMO IN PIAZZA… TU CHE FAI? Il sindaco Gualtieri, travestito da eco-guru, tenta di convincere i romani che la Ztl è il balletto green del secolo. La folla ride sarcastica, pensando che forse dovrebbe prendere lezioni di comicità anziché imporre restrizioni strampalate. Con cartelli che urlano “No alla Ztl, sì alla coerenza”, i cittadini applaudono ironicamente al suo spettacolo di sostenibilità da circo, chiedendosi se il sindaco sia davvero impegnato nell’agenda green o solo in una farsa comica di cui nessuno ride. Il sindaco Gualtieri, con la sua bacchetta magica verde, tenta un trucco da illusionista convinto di trasformare la Ztl in un giardino incantato. Ma i romani, più interessati alla realtà che alla sua pantomima verde, sbuffano di fronte al suo numero. “No alla Ztl, sì alla logica!” gridano, mentre il sindaco continua il suo show, sperando che le risate mascherino l’assurdità delle sue proposte. La folla ride a crepapelle, consapevole che il vero spettacolo è la comicità involontaria del sindaco, un mago dell’ecologia che ha dimenticato il significato della parola “coerenza”.

♬ suono originale – L’Italia Mensile

Con cartelli che urlano “No alla Ztl, sì alla coerenza”, i cittadini applaudono ironicamente al suo spettacolo di sostenibilità da circo, chiedendosi se il sindaco sia davvero impegnato nell’agenda green o solo in una farsa comica di cui nessuno ride.

Il sindaco Gualtieri, con la sua bacchetta magica verde, tenta un trucco da illusionista convinto di trasformare la Ztl in un giardino incantato.

Ma i romani, più interessati alla realtà che alla sua pantomima verde, sbuffano di fronte al suo numero.

“No alla Ztl, sì alla logica!” gridano, mentre il sindaco continua il suo show, sperando che le risate mascherino l’assurdità delle sue proposte.

La folla ride a crepapelle, consapevole che il vero spettacolo è la comicità involontaria del sindaco, un mago dell’ecologia che ha dimenticato il significato della parola “coerenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *