Roma, per me, era un po’ un altro nome di Alessia

Giuseppe Provenzale

Roma, per me, era un po’ un altro nome di Alessia,

c’era già un solito posto fuori dall’aeroporto
e soliti erano i luoghi dove cercar da mangiare,
come usuali, oramai, erano la cura sua delle foto,
e le sue ruvide, dolci attenzioni tutte confidenza.

Sì, era esagerata, Alessia,
ma aveva, quasi sempre, ragione;
era preziosa la sua presenza,
ma, dopo un po’, pareva quasi normale,
ma non quanto anormale, oggi, è la sua assenza.

Roma sua ha perso gli occhi suoi e il suo nome,
ma non l’anima sua, la sua fatica, la sua essenza…
ne porto un po’ con me, in attesa d’una tua nuova presenza,
per poi far tardi ancora a ridere o incazzarsi,
bere, fumare o ancor cantare insieme.

Buscador de rimas
09/01/a.D. 2022
In memoria di Alessia Augello, R.I.P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *