Parla l’avvocato di Alfredo Cospito

Anarchici, Cospito: “41bis inferno dal quale mai mi faranno tornare”

Il legale, avv. Albertini Rossi: “In cella 21 ore al giorno davanti alla tv e i libri sono merce rara”

“E’ l’inferno dal quale mai mi faranno tornare a riveder le stelle”. Alfredo Cospito, detenuto al carcere di Bancali, ha descritto così al suo avvocato Flavio Albertini Rossi la sua vita al 41bis. “C’é una finestra nella cella di due metri e mezzo per tre metri e mezzo – racconta il suo legale all’Adnkronos – una finestra schermata dal plexiglass che non si apre quasi mai e che si affaccia, al di là delle sbarre, su un cubicolo interno circondato da muri di cemento alti metri e metri, schiacciati da una rete metallica a chiudere il quadrato di cielo. Cospito vive in quella cella da solo, come impone il regime carcerario al quale è sottoposto, ci passa 21 ore della sua vita. Le restanti tre le divide tra socialità, un colloquio di un’ora con gli altri 3 detenuti del suo gruppo di socialità, e due ore d’aria in quella sorta di cubicolo di cemento dal quale non può vedere un albero, una siepe, un fiore o un filo d’erba, un colore, solo sbarre e cemento”.

(https://www.adnkronos.com/anarchici-cospito-41bis-inferno-dal-quale-mai-mi-faranno-tornare_4u7TcIbb7Y1g5fC0vWLnUO)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *