“… non chiederci da dove veniamo, chiedici dove vogliamo andare!”

“… non chiederci da dove veniamo, chiedici dove vogliamo andare!”.

30 mesi di lotte per l’ITALIA LIBERA in ogni piazza…

PRONTI ALL’UNIONE E AL SACRIFICIO SOLO PER UNA GRANDE ALLEANZA ANTIGLOBALISTA!

PER L’UNITA’ DEL FRONTE DEL DISSENSO E DELLA RESISTENZA!

 PER LE LIBERTÀ!

 PER IL FUTURO DEI NOSTRI FIGLI!

Tantissimi, in questi giorni, gli appelli all’unita provenienti da    molti esponenti della resistenza: tutti contro il regime e le sue infami regole elettorali che, insieme ai tempi strettissimi, sembrano fatte apposta per impedire al mondo del dissenso di far sentire la propria voce.

Tutti chiamano all’impresa quasi impossibile della raccolta firme.

Tutto giusto e condivisibile, tutto da noi puntualmente pubblicato, accolto e rilanciato.

Ma, almeno fino ad oggi, ci sono sul campo non meno di tre diversi schieramenti:

1) Uniti per la Costituzione (Ancora Italia più altri);

2) la Cunial, più vari gruppi;

3) Paragone contro tutti.

 Così non va!

Noi, nello spirito del 9 ottobre e con il cuore e la fede che ci hanno animato per 30 mesi, continuiamo a costruire, pronti ad abbracciare l’appello di Monsignor Vigano’, che facciamo nostro, per una sola, grande Alleanza Antiglobalista, senza veti, senza barriere ideologiche, contro le logiche divisorie del ‘900 che il regime stesso ha interesse a tenere in vita nell’eterna logica del divide et impera.

Al di là della destra e della sinistra, ci interessa lavorare per una sola, grande forza anti sistema, un fronte anti ideologico e popolare che chieda l’uscita da NATO, Euro e Ue, smonti l’Oms e combatta ogni progetto di futura vaccinazione obbligatoria, controllo sociale, pseudo emergenze e guerre in conto terzi.

Per la sovranità nazionale e popolare, la solidarietà sociale, il rispetto della vita, della persona e della famiglia. 

Contro le tecnocrazie e la finanza internazionale.

Con gli oppressi e i più deboli sempre, contro gli oppressori.

 Ma uno deve essere il fronte, una la proposta.

Chi oggi lavorasse per sé e per la divisione delle forze si metterebbe dalla parte dei traditori della lotta di liberazione nazionale, si schiererebbe tra i tanti servi del regime. 

Oggi più che mai, logiche settarie e personalismi risulterebbero letali: tutta la resistenza – nessuno escluso – ha il dovere di offrire a 20 milioni di italiani la possibilità concreta di scegliere per le libertà, contro tutti i partiti che le hanno impedite.

Dopo aver diviso e frammentato le piazze, dopo aver abbandonato chi ha pagato per la lotta di tutti, non perseverate nell’errore, sarebbe diabolico!

Perché far pagare a milioni di italiani in cerca di una degna rappresentanza le vostre scelte di parte?

Noi dal canto nostro staremo sempre al nostro posto, con il POPOLO, pronti a tornare in piazza, nelle strade, a difendere la nostra libertà e riconquistare il nostro futuro.

Perché la RESISTENZA non è (solo) una campagna elettorale, ma azione quotidiana.

Aversa Stefania, Prima Linea Napoli

Callarelli Gloria, Italia Libera Veneto

Carabella Simone, Fln

Castellino Giuliano, Direttore L’Italia Mensile

Castellino Ramona, Redattore L’Italia Mensile

De Lazzaro Michele, Italia Libera Roma Nord

Di Nanna Vincenzo, Avvocato

Di Palma Saverio, Italia Libera Roma Sud

Di Vito Riccardo, Resp. Nazionale Rete Im

Galloni Nino, Economista

Liccione Marco, Variante torinese Torino

Miranda Amalia, No Green Pass Palermo

Melin Francesca, Verona per la Libertà, Veneto per la Libertà

Passaro Biagio, Movimento Io Apro

Provenzale Giuseppe, Italia Libera Sicilia

Rossini Alessia, Amici per l’Italia

Saraceni Giulio, Coop. Ed. L’Italia Mensile

Sciorilli Gianluca, Esperto relazioni internazionali

Taormina Carlo, Avvocato e Professore di diritto

Testa Pamela, responsabile social Italia Libera

Trisciuoglio Nicola, Prima Linea Campania

Tuiach Fabio, Italia Libera Trieste

Varnier Nicoletta, Fln

Vigi Alessandro, Il Popolo del Lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.