Francesco Toscano: Un Agente Infiltrato Per Spaccare La Resistenza

(Tutto quello che (forse) non sapete.
Una indagine basata su fonti accessibili, di Alessandra Contigiani).

Parte prima

FRANCESCO MARIA TOSCANO

Capitolo Uno: Dal 2013 al 2017

Non è stato semplicissimo districarsi nell’Universo Toscano.
Per via dei collegamenti con tanti personaggi politici e non, delle varie associazioni e movimenti a cui ha partecipato e che ha contribuito a creare in pochissimo tempo, delle numerose competizioni elettorali.
E delle indagini per mafia, delle cosche ‘ndrine, della massoneria, dei grandi partiti nazionali che influenzano in qualche modo questo racconto.

Ogni affermazione è corredata da link di riferimento che potete andare a verificare.

Ho cercato di raccontare in modo più asettico possibile alcuni dei motivi per cui non nutro fiducia in Francesco Toscano e dunque nel progetto ITALIA SOVRANA E POPOLARE (Ex Uniti per la Costituzione, Ex Ancora Italia, di fatto Partito Comunista con tanto di Stella Rossa e candidati vaccinati, col Green Pass, mai visti in 30 messi di lotte, NDR)

Io non sono nessuno ma qualche giorno fa sono stata accusata duramente in un post che ha avuto più di 300 commenti (ANCORA – NAPOLI).

Mi sono presa del tempo per capire se fosse il caso di replicare con motivazioni più approfondite.

L’ho fatto.

Da nessuno quale sono, attenendomi semplicemente a fonti accessibili a tutti.

Questo è un inizio.

Un racconto dei fatti dal 2013 al 2017.

Già da qui colgo elementi per cui non avrei mai portato avanti un’alleanza con Toscano.

Altri magari trarranno conclusioni diverse dalle mie. Certamente ora hanno più elementi per decidere. Buona lettura.

Iniziamo dalla costituenda Associazione Eleanor Roosevelt (2013), poi Movimento Roosevelt (2015), di cui alla nascita è Presidente Gioele Magaldi e Segretario Francesco Maria Toscano.

http://www.ilmoralista.it/2013/06/26/la-nascita-dellassociazione-eleanor-roosevelt-destinata-a-promuovere-un-nuovo-paradigma-politico-sociale-ed-economico/

Chi è Gioele Magaldi?
Un Massone.

Gioele Magaldi storico, politologo e filosofo, ex Maestro Venerabile della loggia “Monte Sion di Roma” (Goi), già membro della Ur-Lodge “Thomas Paine”, è Gran Maestro del movimento massonico “Grande Oriente Democratico” (God).
Ha dato vita anche a “Democrazia Radical Popolare” (Drp) oltre al Movimento Roosevelt (Mr).

https://www.grandeoriente-democratico.com/Biografia_di_Gioele_Magaldi.html

Soci del Consiglio direttivo della prima ora sono anche Giuseppe Pedà (ex Presidente delle Ferrovie della Calabria e futuro Sindaco di Gioia Tauro) e Andrea Leone, che di Toscano scriverà anni dopo una severa condanna.

Toscano e Pedà costituiscono quello che sarà un ramo del futuro Movimento Roosevelt, l’Associazione New Deal per la Calabria, presentandone nel 2014 il manifesto politico (prima come Associazione “prepolitica” Eleanor Roosevelt ad agosto 2014 e poi come New Deal per la Calabria).

Volti noti dell’Associazione:
membri di spicco del Movimento Roosevelt a livello nazionale;
i futuri consiglieri comunali di Gioia Tauro (l’architetto Alessandro Cavallaro ma soprattutto Rosario Schiavone, ex AN e ex vicesindaco arrestato qualche anno prima insieme all’ex sindaco di Gioia Tauro Giorgio Dal Torrione – anche lui nel New Deal per la Calabria – e insieme ad esponenti della potentissima cosca Piromalli e poi scarcerati e assolti entrambi, Dal Torrione e Schiavone).

Schiavone si candiderà a Sindaco come avversario di Pedà meno di un anno dopo, Cavallaro contribuirà a fare cadere la Giunta Pedà;

http://archivio.antimafiaduemila.com/rassegna-stampa/30-news/13552-torna-in-liberta-rosario-schiavone.html

Roberto Occhiuto, attuale Presidente della Regione Calabria e Deputato di Forza Italia dal 2014 al 2021;

Giuseppe Giordano, Democratici, poi Italia dei Valori con cui diventa Presidente del Consiglio Provinciale di Reggio Calabria, poi ancora Consigliere Regionale col Partito Democratico;
Demetrio Cara, nel corpo della Guardia di finanza, ex Consigliere Provinciale di Reggio Calabria processato per aver ricevuto rimborsi gonfiati e assolto;

https://www.approdocalabria.it/giornale/rimborsi-gonfiati-alla-provincia-di-reggio-calabria-assolto-demetrio-cara/

Massimo Ripepi, che ha collaborato a creare ACU (Azione Cristiana Umanitaria), più volte consigliere di Reggio Calabria – attualmente in carica- creatore del Movimento Pace Italia da alcuni definito una sorta di setta e dal 2016 in FDI fino al 2020 quando si è autosospeso per essere stato indagato per aver contribuito a nascondere degli abusi subiti da una bambina di 8 anni
https://www.massimoripepi.it/biografia/ https://www.repubblica.it/politica/2020/12/09/news/reggio_calabria_ripepi_si_difende_da_accuse_di_aver_nascosto_abusi_su_bimba_di_8_anni-277651332/

Ripepi è attuale segretario di Italia al centro (il partito di Giovanni Toti) per la Provincia di Reggio Calabria;

Antonio Molinari, dirigente della Provincia di Cosenza e capo di gabinetto dal 2016 al 2019;

diversi giornalisti della Gazzetta del Sud.

http://www.ilmoralista.it/2014/08/24/grande-successo-di-pubblico-e-di-critica-per-la-costituenda-associazione-eleanor-roosevelt/
http://www.ilmoralista.it/2014/11/15/lassociazione-new-deal-per-la-calabria-presenta-un-manifesto-politico-programmatico/

Alle elezioni comunali di Gioia Tauro del 2015 vince Giuseppe Pedà, che si presenta sostenuto dalle civiche e da liste del centrodestra e esternamente dal Movimento Roosevelt.

Viene nominato assessore alla Cultura Francesco Toscano.

Ma entrambi, subito dopo le elezioni, violano il patto con il Movimento Roosevelt (in soldoni, non realizzano una commissione e una giunta Roosevelt a Gioia Tauro) e ne prendono le distanze anche formalmente (Toscano esce dal MR di cui era Segretario Nazionale dalla prima ora).

https://www.movimentoroosevelt.com/movimento-roosevelt/207-il-primo-sindaco-del-movimento-roosevelt-giuseppe-peda-e-le-solite-mistificazioni-politico-mediatiche-italiote.html
https://www.movimentoroosevelt.com/news/per-dipartimento/comunicazioni/doverosa-puntualizzazione-riguardo-alla-faccenda-gioia-tauro-da-me-citata-attraverso-il-pezzo-gioia-tauro-italia-15-giugno-2015.html

http://www.ilmoralista.it/2015/07/03/mi-dimetto-irrevocabilmente-dalla-carica-di-segretario-generale-del-movimento-roosevelt/

Poco dopo, sempre nel 2015, Francesco Toscano crea con Giuseppe Pedà un altro nuovo movimento, il Movimento Federale Keynesiano
http://www.ilmoralista.it/2015/10/01/carta-dei-valori-e-degli-obiettivi-del-movimento-federale-keynesiano/

Entrambi prendono contatti con l’Unione Popolare di Lafazanis in Grecia ricevendone appoggio durante una loro visita ad Atene in occasione delle politiche greche del 2015.
http://www.ilparlamentare.it/2015/09/giuseppe-peda-in-grecia-per-movimento-federale-keynesiano/

Nel Movimento Roosevelt c’è chi si sente usato da Toscano e Pedà e solleva dubbi importanti.

https://www.movimentoroosevelt.com/news/per-dipartimento/movimento-roosevelt/ancora-a-proposito-del-partito-federale-democratico-e-keynesiano-di-francesco-maria-toscano.html
https://www.movimentoroosevelt.com/news/per-dipartimento/movimento-roosevelt/lo-strano-caso-di-francesco-stranamore-toscano-parte-1-del-1-ottobre-2015.html

Intanto Toscano e Pedà, che hanno ottenuto le loro posizioni anche grazie ai voti del centrodestra, si rivolgono all’estremo opposto, il Partito Comunista Italiano.

Da luglio 2016 appoggiano la lista Identità e Territorio a Sinistra con il loro nuovo movimento che chiamano Italia Unita insieme al Partito Comunista Italiano di Massimiliano Tripodi (tra i fondatori di Rifondazione Comunista), SEL-SI (Sinistra Ecologia e Libertà – Sinistra Italiana, il partito di Nichi Vendola) e Area Socialista.

La lista Identità e Territorio a Sinistra si presenta alle elezioni per il Consiglio della Città metropolitana di Reggio Calabria con Tripodi e Domenico “Mimmo” Pirrotta (mancheranno lo scopo per un pugno di voti, ottenendo il 5.4%).

Questa situazione fa infuriare, come prevedibile, alcuni consiglieri di maggioranza eletti a Gioia Tauro.

Il Partito Comunista Italiano esprime solidarietà nei confronti di Toscano e Pedà (settembre 2016).

Nel Comune di Gioia Tauro si genera una vera e propria crisi.

http://www.corrieredelsud.it/nsite/2016-07-15-06-15-37/calabria/reggio-calabria/24613-presentata-la-lista-territorio-e-identita-a-sinistra.html

A settembre 2016 l’assessore Toscano rilascia delle dichiarazioni percepite come ostili da gran parte dei consiglieri di maggioranza che si ribellano al Sindaco Pedà (o noi o Toscano).

https://www.inquietonotizie.it/gioia-peda-non-sfiducia-toscano-quattro-lasciano-la-maggioranza/http://www.ilmoralista.it/2016/10/18/sintesi-del-discorso-pronunciato-ieri-nel-consiglio-comunale-di-gioia-tauro/

Il 23 dicembre 2016 Pedà viene sfiduciato e la Giunta cade.

Si deve andare a nuove elezioni.

Pochi giorni dopo arriva la solidarietà del Movimento Roosevelt nei confronti di Toscano e Pedà, con qualche frecciatina per aver disatteso gli impegni con il MR che aveva contribuito all’elezione di Pedà e alla nomina di Toscano.

https://www.movimentoroosevelt.com/news/per-dipartimento/presidenza/il-movimento-roosevelt-esprime-solidarieta-agli-ex-soci-mr-giuseppe-peda-e-francesco-toscano-in-relazione-alla-prematura-caduta-della-giunta-gioiese-insediata-nel-2015-grazie-al-trionfo-di-una-coalizione-roosevelt-per-gioia-tauro.html

Il 29 dicembre, meno di una settimana dopo la caduta della Giunta, l’ex assessore Toscano insieme a Domenico “Mimmo” Pirrotta, presenta il nuovo movimento, Italia Unita, con l’annuncio che sarebbe diventato un partito il 25 marzo 2017.

L’ex sindaco Pedà viene descritto come la personificazione vivente del nuovo cambiamento della politica.

Ma il sodalizio tra Pedà e Toscano sembra proprio avere fine in questo momento.

https://www.lacnews24.it/politica/gioia-tauro-ped-ricomincia-dal-partito-italia-unita_23012/
https://www.approdocalabria.it/giornale/gioia-tauro-presentato-progetto-politico-italia-unita/
https://www.approdocalabria.it/giornale/gioia-tauro-primo-appuntamento-con-italia-unita/

Pochi giorni dopo Giuseppe Graziano (Segretario questore del Consiglio Regionale della Calabria, vice coordinatore provinciale di Forza Italia e coordinatore nazionale di CCI – Il Coraggio di Cambiare l’Italia, movimento fondato dallo stesso nel dicembre del 2015 con cui si candiderà una prima volta a Sindaco di Corigliano nel 2019 insieme al centrodestra – e attuale Consigliere della Regione Calabria eletto con Udc) e Toscano presentano il protocollo di intesa tra Il coraggio di cambiare l’Italia e Italia Unita.

Toscano viene presentato da Graziano come candidato sindaco.

https://www.approdocalabria.it/giornale/cosenza-nasce-movimento-del-coraggio-di-cambiare-italia/

Effettivamente sembra che Toscano sia il futuro candidato Sindaco a Gioia Tauro con Italia Unita, notizie che sarebbe dovuta essere ufficializzata il 3 febbraio.

A maggio 2017 Diego Fusaro si candida a consigliere per Italia Unita a Gioia Tauro, Francesco Toscano sindaco, per le elezioni dell’11 giugno 2017.

http://www.ilmoralista.it/2017/05/04/diego-fusaro-candidato-nella-lista-di-italia-unita-alle-prossime-elezioni-amministrative-di-gioia-tauro-per-dare-forza-alla-nostra-rivoluzione-culturale/

Intanto a Gioia Tauro, dopo la caduta della giunta Pedà e l’arrivo del commissario nominato dal prefetto, partono due inchieste antimafia che portano all’arresto del dirigente dell’ufficio tecnico comunale Angela Nicoletta e dei parenti di alcuni ex amministratori locali.

L’inchiesta “Cumbertazione”, in particolare, vede coinvolte numerose imprese accusate di aver manipolato gare d’appalto nella Piana e in Calabria.

Il Comune di Gioia Tauro viene dunque sciolto per mafia a maggio 2017.

Precedentemente era stato sciolto negli anni in cui Dal Torrione era sindaco e Schiavone vicesindaco (vicenda di cui ho scritto poco sopra).

https://tg24.sky.it/cronaca/2017/05/11/mafia-sciolti-quattro-comuni–anche-gioia-tauro

Questo vuol dire che non si sarebbero tenute le elezioni a Gioia Tauro, come si era prospettato, a giugno del 2017.

Le elezioni a Gioia Tauro avverranno nel 2019…

MA QUESTA È UN’ALTRA STORIA…

4 commenti su “Francesco Toscano: Un Agente Infiltrato Per Spaccare La Resistenza

  1. Grazie delle preziose informazioni. Questa gente non ha ancora capito, che tutto quello che fanno, e hanno fatto lascia delle traccie, che chi è bravo sa sempre trovare. Poi di punto in bianco, pensano di ripulirsi l’immagine, come se fosse semplice come portare un vestito in tintoria a smacchiare. Poveri illusi.

  2. Insomma Toscano appare essere un politicante che s’offre in tutte le stagioni. Non sembra abbia fatto mai un tubo nella vita se non sgomitare per intrallazzare ( così si chiama il fare senza principi e solo al fine di apparire quale si vuole da coloro di cui si cerca il consenso).
    Tipi come lui non capiscono che di intrallazzoni ce ne sono già tanti nei partiti tradizionali, per cui se uno deve accettare la loro logica di mettersi di profilo a seconda del vento, tanto vale che parteggi per gli intrallazzoni di quei partiti, preferendo l’originale, qualunque originale, a un qualsiasi Toscano di periferia.

  3. Toscano ha parlato di sé in una intervista a BYOBLU. Perché non lo intervisti e non gli chiedi chiarimenti? Questi sono scritti da leoni della tastiera capaci solo di parlare senza costrutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.