Ecco A Cosa Servivano I Lockdown!

Vi ricordate la famosa strategia “covid zero” cinese che qualche genio italico tentava di trasferire anche in Italia? La chiusura, la segregazione e l’intimidazione di un’intera popolazione di milioni di persone in una città per 3 casi positivi! Ecco, quel modello lì, con i droni che volano in cielo con un altoparlante che “invita” la gente a rimanere dentro casa. Ci siamo capiti…

“Loro sì che contrastano il covid eh, mica come da noi”, dicevano i geni, che auspicavano ancora più chiusure e lockdown.

In realtà, la Cina si stava solo preoccupando di tutelare la propria economia nazionale, a scapito del popolo. Ed è comprensibile, ai loro occhi, visto che sono in guerra con noi, ma soprattutto perché sono l’espressione massima del materialismo, che tutto sottomette.

Tutto d‘un tratto, pochi giorni fa, hanno rilasciato i dati della bilancia commerciale e tutto è diventa chiaro come il sole a chi sa leggerli…

Per più di un anno hanno cercato di tenere bassa l’inflazione da queste parti con lockdown ufficiali e ufficiosi. A parte il primo caso, che vi farà tornare alla mente la gente felice che cantava dai balconi…il secondo è stato realizzato facendo tamponare milioni di lavoratori e chiudendoli a casa nel momento di massima produttività, da sani, per la quarantena.

E questo avveniva mentre qualcuno ancora pensava che servissero a contenere il virus!!

Nello stesso tempo in cui gente si è lasciata chiudere in casa per non fare esplodere il mercato azionario, sostanzialmente questa è la verità, questi preparavano il terreno dove operare il prossimo circuito di spoliazione e trasferimento di ricchezze da noi a loro: il mercato dei futures del gas.

Adesso che lo sapete, pensate davvero che sia Putin che fa quintuplicare la spesa per le bollette?!

Eppure alcuni, come scimmie ammaestrate, passeranno dal gridare dai balconi “state a casaaaa” a “state al freddoooo”, mentre qualcuno si fa i selfie sul ghiacciaio a bordo elicottero, col cocktail in mano.

di Riccardo Bianchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.