È TEMPO DI INIZIARE A VINCERE! La tirannia liberal-liberista sarà sconfitta

Ideologia dei droidi per volontari

di Aleksandr Dugin

Nel campo dell’ideologia in Russia abbiamo il seguente quadro.
Lo Stato ha fatto molto per emarginare i liberali radicali. Questo processo è iniziato nel 2000 ed è durato 24 anni con diverse amministrazioni.

L’influenza dei liberali sull’ideologia russa è diminuita costantemente, ma è ancora molto significativa, soprattutto nella cultura, nell’istruzione e nella scienza. Solo i liberali o coloro che non hanno ricevuto istruzioni chiare e precise dall’alto possono combattere il liberalismo in modo così incerto e prolungato.
Allo stesso tempo, il patriottismo cresceva in modo costante, ma altrettanto lentamente – a volte congelandosi sullo stesso telaio per un anno o più.

Ciò era richiesto dalla nostra Crimea e ancor più dall’Operazione Speciale, ma anche qui le autorità hanno agito con la stessa cautela e incertezza con cui hanno smantellato il liberalismo. Bisognava però formare nuovi quadri e la linea principale era la formazione di un tipo speciale: volontari puri, droidi ideologici, manageriali.

È emerso così un fenomeno interessante: una classe di statisti ideologicamente neutrali, orientati al potere e alla verticalità manageriale in quanto tale.
All’inizio hanno cercato di introdurre un simulacro di ideologia, ma poi hanno rinunciato anche a questo.

La formazione di massa di giovani e meno giovani volontari del potere ha dato vita a un’intera nuova classe dirigente, assomiglia un po’ al funzionamento di un computer o di un’intelligenza artificiale: non importa quali dati l’operatore carichi, quali comandi impartisca, allorché un computer non è tenuto a ragionare, l’importante è che gli algoritmi funzionino correttamente. Ma questo principio è stato trasferito all’ideologia, dove un simile modello appare strano. Una classe ideologica con zero ideologia, un drone politico. Non più liberale (meno-ideologia), ma non ancora patriottica (più-ideologia).

I volontari, portatori della ideologia-zero, sono ora formati su scala industriale. Ciò è per metà un bene (non sono liberali) e per metà un male (non sono patrioti).

La SMO e la guerra con l’Occidente (in arrivo da tempo, forse per sempre) richiedono un ulteriore e rapido spostamento del centro di gravità verso un’ideologia di patriottismo significativo.

I vettori dell’ideologia zero sono droidi perfettamente perfezionati, e sono perfettamente adatti a questo scopo: elaborare il programma patriottico. L’operatore deve premere il tasto “enter”; il dito dell’operatore trema.

I volontari del governo stanno elaborando quello che hanno finora. Per adesso è un campo di prova e un laboratorio, ma è ora di lanciare il programma.
Allo stesso tempo, altre reti neurali si stanno gradualmente formando nella società e nella gente, con un pronunciato contenuto patriottico. Non si tratta di volontari zero, ma di volontari plus, volontari, eroi del fronte e del fronte interno.

Lo Stato si regge su di loro, creano la Vittoria, e quindi la storia. Sono governati dallo spirito. I volontari zero non hanno nulla contro i patrioti, ma non hanno nulla nemmeno per se stessi, poiché sono mossi da un algoritmo diverso. È tempo di unire queste reti.

Spero che dopo le elezioni le autorità premano il tasto “enter” per caricare nella società un programma patriottico completo, le cui linee generali sono state delineate abbastanza chiaramente dal Presidente, dal decreto sui valori tradizionali, dal concetto di politica estera, ecc.

Più l’ideologia, le basi del patriottismo sono annunciate e delineate dalle autorità.
È logico che la loro attuazione inizi a pieno regime dopo le elezioni.

Dopo tutto, è tempo di iniziare a vincere.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini 

(Fonte Telegram https://t.me/ideeazione)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *