Abbracciare le lotte del Sud del Mondo…

“…Il mondo è pronto per un nuovo mondo, più giusto e che non accetti l’avanzamento di interessi geopolitici campanilistici a spese di altri. Il popolo palestinese e il suo coraggioso atto di resistenza sono un esempio per tutti noi del Sud globale. Siamo uniti, legati dai valori della nostra comune umanità, e chiediamo giustizia non solo per la popolazione di Gaza e di tutta la Palestina occupata, ma per tutti i sofferenti del mondo…”

Un punto di vista dal sud globale

Discorso al Forum sulla Multipolarità di Mosca, 26 febbraio 2024

Zwelivelile Mandla Mandela
 
Eccellenze,
Grazie per avermi dato l’opportunità di parlare qui oggi.
Mi chiamo Mandla Mandela.

Sono un membro del Parlamento dell’Assemblea Nazionale del Sudafrica e ho il peso di essere il nipote del Presidente Nelson Rolihlahla Mandela. Mio padre era il suo secondo figlio.
Permettetemi, direttore del programma, di riconoscere la leadership del Movimento Internazionale Russofilo.
Colleghi partecipanti, signore e signori, compagni e amici, vi porto un caloroso saluto dalla casa del Presidente Nelson Rolihlahla Mandela, padre fondatore di un Sudafrica libero e democratico. Ci fermiamo oggi per rendere omaggio a tutti voi, verso i quali abbiamo un debito eterno nel sostenere la nostra eterna resistenza, la nostra competenza in esilio e la nostra leadership, la maggior parte della quale languiva nelle carceri dell’apartheid come mio nonno.

Oggi esistono tante definizioni del Sud globale quanti sono gli ideologi, i teorici delle scienze sociali e i professionisti dell’economia politica. Secondo la Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo, il Sud globale comprende l’Africa, l’America Latina e i Caraibi, l’Asia, escluso l’Israele dell’apartheid, e il Giappone, la Corea del Sud, l’Oceania, escluse Australia e Nuova Zelanda.
È paradossale che i recenti eventi a Gaza e in tutta la Palestina occupata ci abbiano ricordato in modo così netto il potere del Sud globale. Le voci del Sud globale sono state risvegliate dal pogrom che si sta svolgendo sotto i nostri occhi. È doloroso assistere alla distruzione quotidiana delle infrastrutture, per non parlare del conteggio delle vite umane, perché i numeri non raccontano la storia completa di decenni di genocidio sistematico, crimini di guerra e crimini contro l’umanità.

I milioni di persone, in ogni città del mondo, si stanno alzando in piedi e si oppongono all’immaginazione del mondo unipolare guidato dagli Stati Uniti, dal Regno Unito e dai Paesi dell’Unione Europea. Il Sud globale chiede con forza un cessate il fuoco immediato.
Hanno invocato il nostro doloroso cammino verso la libertà. Il Sudafrica ha denunciato l’entità sionista alla Corte penale internazionale e alla Corte internazionale di giustizia ed è stato sostenuto da azioni simili da parte di Paesi dell’America Latina, dell’Asia e persino del Parlamento europeo. Questi non sono eventi casuali, ma piuttosto le conseguenze di una mobilitazione globale di livello senza precedenti.

Non siamo più disposti a essere cittadini di seconda classe del mondo e le istituzioni della governance globale si trovano di fronte alla prova di agire in consonanza con i principi fondanti o di perdere per sempre la legittimità agli occhi del mondo.
È nelle nostre mani agire con decisione. Come ci ha ricordato il Presidente Mandela, ora è nelle nostre mani. È nelle mani di questa generazione raggiungere la grandezza. È nelle mani del Sud globale e delle nostre strutture emergenti, come i BRICS Plus, plasmare un mondo in cui prevalga la giustizia, in cui un mondo basato sui diritti umani funzioni per tutti noi, o non funzioni per nessuno di noi.

La Palestina e la sua eroica lotta contro l’occupazione ingiusta, il genocidio e la pulizia etnica sono una cartina di tornasole per la nostra umanità. È un test per la nostra determinazione a rimanere uniti contro i prepotenti del mondo che per troppo tempo hanno violentato, saccheggiato e rubato le risorse del mondo nella loro ricerca di impero, potere e dominio globale.
Non è un incidente della storia o un cambiamento casuale che ci riunisce in questo particolare momento.

Dobbiamo agire con la nostra forza collettiva e con l’obbligo morale di agire l’uno verso l’altro e verso tutta l’umanità per portare avanti un’agenda globale che porti la pace in Palestina e la pace nel mondo.
L’era di un mondo unipolare che impone unilateralmente i suoi blocchi e forza i suoi interessi geopolitici sul mondo intero e su tutta l’umanità sta morendo e deve essere seppellita per far prevalere la pace, la giustizia, la dignità e la prosperità per tutti. Dobbiamo andare avanti e fare in modo che i sentimenti globali prevalenti si traducano in azioni concrete, e il Sud globale deve guidare questa agenda per raggiungere il nostro obiettivo comune di un mondo giusto.
In Sudafrica, in tutto il continente africano, abbiamo superato la lotta dell’occupazione coloniale, come avete visto in Niger, in Mali, in Burkina Faso, ma dobbiamo ancora assaporare i frutti della nostra liberazione economica e l’obiettivo dello sviluppo economico. E la prosperità ci sfugge perché i cambiamenti nell’architettura globale a cui aspiriamo ci sfuggono a causa della schiavitù sistematica che ci ha imprigionato. Il Sud globale deve essere il catalizzatore per spezzare queste catene di schiavitù economica nei confronti dell’Occidente.
Questo vale per l’Africa, come per l’America Latina e l’Asia. Nel momento in cui ci risvegliamo e ci rendiamo conto di questa realtà, dobbiamo continuare a mobilitare i nostri sforzi collettivi, le nostre risorse e le voci dei nostri popoli per andare avanti con coraggio e dare forma a un nuovo futuro e a una nuova alba.
Così facendo, possiamo tutti realizzare una Palestina libera nel corso della nostra vita, un unico Stato che garantisca dignità a tutti i suoi cittadini, siano essi musulmani, cristiani o ebrei.
Vi ringrazio.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

(Fonte https://t.me/ideeazione)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *