Vogliamo Tutta La Verità Sul Caso Cucchi

VOGLIAMO TUTTA LA VERITÀ SUL CASO CUCCHI

Al via l’appello bis per i carabinieri Mandolini e Tedesco.

La Cassazione, il 4 aprile scorso, aveva disposto un nuovo processo di secondo grado nell’ambito dell’udienza nella quale i giudici hanno reso definitiva la condanna a 12 anni di carcere per i carabinieri Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, accusati di omicidio preterintenzionale.

NOI VOGLIAMO TUTTA LA VERITÀ SULLA MORTE DEL GIOVANE ROMANO.

CHI LO HA TORTURATO QUELLA NOTTE?

NON SOLO…

CHI SONO TUTTI QUELLI CHE HANNO DEPISTATO?

NON SOLO…

SONO COLPEVOLI TUTTI I GIUDICI, GLI AGENTI, GLI OPERANTI ED I MEDICI CHE HANNO VISTO ED HANNO ABBASSATO LO SGARDO DI FRONTE A QUESTO MASSACRO.

QUESTE UDIENZE SONO SOLO DEI PASSA VERSO UNA VERITA’ CHE HA ANCORA TROPPI BUCHI.

E’ iniziato lunedì 4 luglio il processo di appello bis nell’ambito della vicenda di Stefano Cucchi che vede imputati il maresciallo Roberto Mandolini, all’epoca dei fatti comandante della stazione Appio e Francesco Tedesco, il militare che con le sue dichiarazioni ha fatto riaprire le indagini sul caso.

Entrambi sono accusati di falso.

La Cassazione, il 4 aprile scorso, aveva disposto un nuovo processo di secondo grado nell’ambito dell’udienza nella quale i giudici hanno reso definitiva la condanna a 12 anni di carcere per i carabinieri Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, accusati di omicidio preterintenzionale.

Le parole di Ilaria Cucchi

Del nuovo processo ha parlato Ilaria Cucchi a Cusano Italia tv: “Il maresciallo Roberto Mandolini è stato colui che si è sentito talmente intoccabile da continuare per anni a offendermi sui social raccontando la sua verità con la sua divisa piena di stellette. Quindi mi auguro che Mandolini non la faccia franca. Vado avanti con la forza che mi danno tutti quei romani che quotidianamente incontrandomi mi dicono “daje Ilaria!”. Intanto la sentenza resa definitiva dalla Corte di Cassazione, con tanto di motivazioni, è importantissima perché ai due responsabili del pestaggio e della morte di mio fratello sono state tolte le attenuanti e poi perché questa sentenza non è importante solo per Ilaria Cucchi e per la sua famiglia, ma diventa importante per tutti coloro che hanno diritto di credere in una giustizia che sia davvero giusta e uguale per tutti”.

“Inoltre, questa sentenza diventa importante anche per tante persone che si sentono di non avere la forza – ha continuato Ilaria Cucchi – si sentono indifesi, non tutelati, di fronte a uno Stato che come nel nostro caso di fatto, di punto in bianco, non solo ti abbandona, ti volta le spalle, ma diventa il tuo peggior nemico. Tutto questo è testimoniato anche dall’atmosfera terribile che si respirava nelle aule di giustizia in tutti questi anni di processi. Ovvero un atteggiamento di netta superiorità da parte degli indagati, degli imputati, rispetto a noi semplici cittadini ma anche rispetto al giudice; e questo veramente fa paura perché la dice lunga sul senso d’impunità di queste persone che invece alla fine sono state condannate per depistaggio e mi riferisco soprattutto alla scala gerarchica dei carabinieri. Certo, purtroppo adesso in vista degli altri gradi di giudizio incombe il rischio della prescrizione e queste stesse persone che hanno depistato rischiano di farla franca. Come già accaduto per i medici di quel reparto detentivo dell’ospedale, che non vennero assolti ma solo salvati dalla prescrizione. E questo è grave perché Stefano fu letteralmente abbandonato dai medici”.

“Mio fratello – ha dichiarato ancora Ilaria Cucchi – è morto nell’indifferenza generale, visto che in quei giorni è entrato in contatto con più di 150 persone tra cui quell’agente di polizia penitenziaria a cui Stefano avrebbe detto di essere stato picchiato selvaggiamente da chi lo aveva arrestato. Ecco, quell’agente è stato capace di dire “da quel momento in poi ho deciso di prendere le distanze pensando che ognuno dovesse rimanere al suo posto”. Tutto questo faccio fatica a perdonarlo – ha concluso – soprattutto perché il modo con cui lo hanno trattato, impedendoci di vederlo, hanno spinto Stefano a morire di inedia facendolo morire nella convinzione che la sua famiglia lo avesse abbandonato. Oltretutto, la morte di Stefano, la via crucis processuale e il comportamento cattivo di tante persone hanno fatto gravemente ammalare i miei genitori”.

Avete sentito bene, dal momento del suo fermo fino alla sua morte, parliamo di lunghissimi 7 giorni di torture e agonia, Stefano Cucchi è entrato in contatto con ben 150 persone, 150 tra poliziotti, carabinieri, agenti di polizia penitenziaria, giudici e medici… 150 colpevoli che hanno sulla coscienza un giovane massacrato di botte e lasciato morire nell’indifferenza di molti e tra i ghigni di qualche sgherro abituato a menar le mani forte della certezza di farla sempre franca.

Magari grazie anche alla copertura dei vari Salvini e Giovanardi di turno… (rimbombano ancora le loro parole nelle nostre orecchie!)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.