Viva i padri!

Diego Fusaro

Nel giorno della festa del papà, dobbiamo ricordarci dell’importanza del Padre: che è simbolo della provenienza e dell’identità, della legge e dell’ordine.

Come è noto, il soggetto greco definiva se stesso attraverso il patronimico: chi sei tu? Sono Odisseo, figlio di Laerte; sono Achille, figlio di Peleo.

Senza padre, non sappiamo chi siamo, né donde proveniamo.

Il padre non uccide il desiderio del figlio, ma lo disciplina e lo norma: e, in tal guisa, lo rende fecondo e vitale.

Per questo, la civiltà tecnomorfa odia il padre e ne propizia l’evaporazione, disegnando il paesaggio di una società anomica e deregolamentata, senza identità e senza storia, abitata da atomi alleggeriti da ogni identità e da ogni significato.

AncoraItalia #identità #festadelpapà #19marzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *