SI ALLARGA LA CONFEDERAZIONE DELLA RESISTENZA

Appello di Carlo Arnese, Andrea Colombini, Alessandro Fusillo, Angelo Giorgianni, Ornella Mariani e Giulio Tarro per un “Fronte Unitario di Resistenza” nazionale ed internazionale per difendere le Libertà Fondamentali e Universali dell’uomo.

Le elezioni politiche in Italia segnano uno spartiacque per le prospettive di libertà costituzionali e sociali, come si sta verificando in tante altre aree del mondo, a partire dall’Australia e dalla Gran Bretagna. Al tempo stesso il responso delle urne determinerà una fase di transizione e non un approdo reale ad un periodo migliore. Il prevalere di interessi personali sugli interessi del Popolo della Resistenza ha immotivatamente impedito la presentazione di liste unitarie, tradendo l’accorata legittima richiesta che viene da tutte le piazze.
Molte delle forze politiche e una miriade di partitini in campo e sedicenti ma evanescenti associazioni, continuano a discettare su argomenti marginali, inutili per le persone, e non affrontano, invece, le questioni primarie per il miglioramento della vita. In molti casi, i sedicenti leader e le comparse evanescenti pensano prevalentemente al modo per mantenere i propri privilegi e lanciano temi solo di facciata, ma che non vedranno mai concretamente la realizzazione e, quel che peggio, in una visione riduttiva che non coglie la dimensione sovranazionale di quello che sta succedendo e la necessità di una rete internazionale di Resistenza. È una Fiera delle Vanità e degli Egoismi, una presa in giro della popolazione che subisce false promesse, dopo che ha dovuto accettare limitazioni della libertà e imposizioni da Stato dittatoriale e non vuole che siano strumentalizzate le proprie ansie, la disperazione, i bisogni e le speranze. Per questo rivolgiamo un appello a tutti coloro che apprezzano la libertà, il rispetto della Costituzione e la veridicità delle posizioni espresse, per aderire al “Fronte Unitario di Resistenza extraparlamentare”. Quella che verrà dalle elezioni potrà essere, così, una legislatura costituente che riscriva le regole fondamentali, affinché siano rispettate e mai calpestate. Vi è oggi l’esigenza, particolarmente sentita, di una democrazia vera e reale, una democrazia diretta che rivitalizzi la partecipazione dei cittadini e li ponga al centro dello Stato, dotandoli di strumenti adeguati a tale scopo, solo così dando rinnovata credibilità alle Istituzioni.
L’Italia ha rappresentato uno dei Paesi-cardine nei vari continenti, nei quali si è sperimentato sulla popolazione uno dei modelli liberticidi più avanzati, con un Popolo Sovrano sfornito di strumenti per sfiduciare i loro rappresentanti che hanno tradito i programmi elettorali su cui avevano raccolto il consenso, e che hanno asservito gli interessi nazionali agli interessi di un’élite sovranazionale. E questo è un aspetto che va bloccato attraverso tutte le forme democratiche e sociali possibili.
La fase storica che stiamo vivendo ci ha fatto giungere tutti ad un redde rationem, come riportava secoli fa il Vangelo secondo Luca. È giunta l’ora delle scelte.
Sinora molti in Italia e nel resto del Mondo, per l’umano spirito di sopravvivenza, hanno cercato di evitare un rifiuto delle imposizioni, che comunque limitano numerose libertà individuali e che arrivano da una leadership governativa vicina a grandi interessi globali di un’élite, a scapito della moltitudine della popolazione mondiale. Per questo si sono sottoposti, seppur controvoglia, ai diktat vaccinali indotti e via via divenuti palesi coercizioni.
Ora, un numero sempre maggiore di persone, in un crescendo rossiniano, sta prendendo coscienza che queste imposizioni non servono a risolvere i problemi della pandemia, a tutelare la propria salute, quella dei propri cari e della popolazione, bensì a marchiare tutti con nanotecnologie all’avanguardia, allo scopo di arrivare ad un controllo capillare e continuo degli esseri umani. Senza tralasciare i molti decessi, che si fanno sempre più numerosi e stanno arrivando ad un effetto valanga, nascosti dai resoconti dei mass media “addomesticati” e causati da componenti aggiuntive e letali nei vaccini.
Gli ultimi anni trascorsi con la presunta pandemia, proclamata dall’organizzazione privata sanitaria, denominata OMS, hanno fatto riflettere una cospicua parte della popolazione mondiale e comprendere i rischi di imposizioni liberticide in spregio a qualsiasi Costituzione, Legge e Consuetudine di libertà e buon senso, ma solo ad interesse delle élites finanziarie globali.
Non è possibile continuare su questa falsariga dittatoriale, che parte dalla genetica (con i pericolosissimi sieri a vettore m-Rna) per insinuarsi nella vita quotidiana, costringendo a sottostare a modelli e regole sociali, dannosi per la salute e per la vita.
Finora vi sono stati importanti Governi e molti Stati nel mondo, che hanno fatto da argine all’onda malsana e deformante, propagata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e seguita da altri Stati con governi succubi che hanno attentato alla vita delle proprie popolazioni, in parte riuscendovi.
Ebbene vogliamo dire basta alle élites sovranazionali che impartiscono disposizioni liberticide e letali ai Governi nazionali e si infiltrano in tutte le istituzioni (politiche, finanziarie e sociali) decidendo l’agenda, le leggi e i modelli di vita delle persone. L’esempio più significativo di gruppo mondiale pericolosissimo per gli abitanti del pianeta è rappresentato dal World Economic Forum che nelle sue riunioni da molti anni (basta leggere i documenti ufficiali) ha previsto di attuare azioni per ridurre la popolazione mondiale, di creare sistemi informatici e sanitari di controllo capillare delle persone e di far sprofondare nella povertà questa o quella Nazione, a seconda delle utilità del momento. Esempi significativi ne abbiamo visti in tanti Paesi del Sud America e del Sud-Est Asiatico, ma anche in Grecia e nel 2011 anche in Italia, con “giochi” finanziari di vendite e/o acquisti di debiti, svendite dei patrimoni e di ricchezze nazionali, senza tralasciare il “dissanguamento” delle popolazioni con tasse-capestro, imposte dalle Istituzioni finanziarie sovranazionali e la distruzione delle riserve statali per creare Nazioni-ostaggio della volontà delle élites.
La Verità è come il Sole, non può essere nascosta. Saranno smascherate palesemente anche le azioni apparentemente filantropiche, ma in realtà costituenti operazioni deleterie e “sporche”, utili per destabilizzare varie aree del pianeta, aumentare i patrimoni finanziari e ridurre in schiavitù altre popolazioni.
Dovremo riscrivere la storia di molti Paesi del Sud America (Cile, Argentina, Colombia, Brasile, Venezuela, solo per citarne alcuni), dell’Asia (Corea, Vietnam, Afghanistan) e dell’Europa per le infiltrazioni e i pesanti condizionamenti e costrizioni alle politiche di tanti singoli Stati dal Secondo Dopoguerra ad oggi. Per l’Italia, basti riflettere sul ruolo di Tangentopoli, ai profondi danni arrecati spesso alla credibilità della Giustizia e della Magistratura, alla distruzione, alcune volte senza reali prove, di alcune generazioni della classe politica ed all’avvento di partitini finanziati da Potenze straniere e poi evaporati nel giro di pochi anni.
Quindi l’appello è rivolto anche a coloro che condividono questa riflessione globale in Italia e in tanti Paesi del mondo, per costituire, iniziando proprio dall’Italia, il “Fronte Unitario di Resistenza” Antiglobalista.
L’Organizzazione Mondiale per la Vita (OMV) ha una visione pragmatica di una politica alta, finalizzata alla risoluzione dei problemi della gente e quindi al raggiungimento dei traguardi. Il tutto è dettato dall’indispensabile obiettivo di garantire le fondamentali libertà universali dell’uomo. In questa logica, da tempo stiamo lavorando con i Cittadini del Mondo, globalisti e non globalisti, affinché ci si unisca con l’obiettivo di individuare le nuove fondamenta della convivenza mondiale, basate sulla pace ed evitando la sopraffazione dell’altro. L’obiettivo elevato è riuscire a creare una Alleanza Internazionale nel Segno della fratellanza e rispetto reciproco tra i popoli.
Per questo chiediamo il coinvolgimento di tutti coloro che amano la pace e la fratellanza tra i popoli. A tale scopo, l’approdo finale sarà la nascita di una Federazione Mondiale di Stati Liberi, nella quale vengano salvaguardate e rispettate le diversità etniche e culturali in un ambito comune di civile convivenza mondiale, evitando le omologazioni e le sterilizzazioni di questa o quella popolazione. Insomma, un policentrismo di culture e popoli, che superi la logica monocentrica imposta dopo la Seconda Guerra mondiale. In questo modo ben vengano le civiltà di Paesi come il Sudafrica, l’Argentina, il Brasile, la Cina, la Russia, l’India, l’Indonesia, per riportare quelle principali, che unitamente a quelle parti “sane” dell’Europa e dell’America del Sud e del Nord possono dare uno slancio all’umanità e permettere una significativa evoluzione spirituale e umana verso il Bene.
Non dimentichiamo infine che questi eventi mostrano due schieramenti, che vanno definendosi progressivamente: da un lato le persone oneste, che sono animate dal desiderio di dare un contributo alla Patria e all’umanità: sono coloro che un Prelato ha definito biblicamente «i figli della luce». E dall’altro i «figli delle tenebre», coloro che ci vogliono rendere schiavi di élites sovranazionali che pensano di poterci utilizzare come clienti disciplinati ai quali imporre prodotti di cui non hanno bisogno e cure per patologie programmate, vere o presunte che siano, che vogliono ridurre la popolazione mondiale del 10-15% «facendo un buon lavoro con i nuovi vaccini», come ha candidamente ammesso Bill Gates. In questa lotta tra Bene e Male dobbiamo prendere inevitabilmente posizione, soprattutto per i nostri figli e per le generazioni future.

Roma
Angelo Giorgianni, Segretario OMV, magistrato;
Ornella Mariani, Storica e Saggista;
Giulio Tarro, Virologo;
Andrea Colombini, Direttore orchestra filarmonica di Lucca;
Carlo Arnese, medico;
Alessandro Fusillo, avvocato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.