Scontri. Non è l’Islam che ha l’obiettivo di invadere l’Occidente: è il contrario

NUOVOATLANTE

di Alessandro Orsini

Scontri. Non è l’Islam che ha l’obiettivo di invadere l’Occidente: è il contrario

Nessun popolo può crescere moralmente senza prendere coscienza dei propri pregiudizi. La tesi che questa settimana conduco davanti al tribunale della ragione è cavalcata dal Corriere della Sera e dai suoi “figli minori”: Libero, Repubblica, il Giornale e il Foglio.

Sto parlando della tesi secondo cui l’Islam odia l’Occidente e vorrebbe distruggerlo per introdurre la sharia nelle nostre democrazie. L’attacco di Hamas del 7 ottobre sarebbe un caso di odio contro l’Occidente. Una documentazione storica esorbitante mostra che la tesi dell’odio contro l’Occidente è il frutto di un capovolgimento paranoico della realtà storica. Gli studi storici mostrano che il progetto di sostituire i valori dell’Islam con i valori dell’Occidente è un’idea dell’Europa e degli Stati Uniti. Le guerre illegali della Nato in Iraq del 2003 e in Libia del 2011 sono state condotte con lo scopo dichiarato di eliminare la cultura islamica in quei Paesi e sostituirla con la cultura occidentale e il sistema politico europeo. Lo slogan è stato: “Dobbiamo trasformare l’Iraq e la Libia in una democrazia occidentale”. Di contro, gli studi storici non mostrano che i Paesi islamici abbiano mosso guerra ai Paesi europei per sostituire i loro regimi laici con i regimi islamici. L’Iran non ha invaso la Francia per uccidere Macron o l’Italia per sostituire Giorgia Meloni con un ayatollah. Il fenomeno registrato negli ultimi secoli dagli storici non è l’islamizzazione dell’Occidente, bensì l’occidentalizzazione dell’Islam. È l’Islam che assume gli stili di vita occidentali sotto la spinta delle guerre dell’Occidente e del suo strapotere politico-economico. Gli attacchi che l’Occidente ha subito per mano di al Qaeda e dell’Isis non sono mai stati un tentativo di imporre i valori dell’Islam all’Occidente, bensì un tentativo di difendere l’Islam dalle guerre occidentali.

Al Qaeda e l’Isis in Iraq non esistevano sotto Saddam; sono nati come reazione nazionalista all’invasione americana. I militanti dell’Isis hanno realizzato le stragi in Europa per indurre i governi europei a cessare i bombardamenti contro le postazioni dell’Isis in Siria. Tutta la documentazione sul terrorismo mostra che è falso che la strage del Bataclan sia stata realizzata per porre fine alle libertà dell’Occidente. Gli attentati dell’Isis e di al Qaeda sono stati concepiti in funzione difensiva, cioè per arrestare l’occidentalizzazione dell’Islam e non per promuovere l’islamizzazione dell’Europa. I musulmani non odiano l’Occidente; odiano le bombe che l’Occidente sgancia su di loro. Hamas non ha concepito la strage del 7 ottobre per permettere alla Palestina di prendere il sopravvento sull’Occidente, ma per porre fine al sopravvento dell’Occidente sulla Palestina, dove una minoranza occidentale domina una maggioranza musulmana ridotta in condizioni inumane. Viviamo nella menzogna e nel sonno della ragione. La tesi dell’odio dell’Islam contro l’Occidente è stata elaborata per nascondere l’odio dell’Occidente contro l’Islam e giustificare il massacro dei bambini musulmani in Iraq e a Gaza. Nel 1996, Lesley Stahl chiese a Madeleine Albright: “Le sanzioni americane hanno causato la morte di 500.000 bambini iracheni, più della bomba atomica. Ne è valsa la pena?”. Albright, segretaria di Stato americano nel 1997, rispose: “Sì, ne è valsa la pena”. Se la Casa Bianca ritiene lecito causare la morte di mezzo milione di bimbi iracheni, perché dovrebbe trovare illecito contribuire all’uccisione di un milione di bimbi palestinesi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *