Obbligo vaccinale Corte Costituzionale. Italia Libera aderisce alla veglia e mobilitazione per la libertà

Il Quotidiano Internazionale Fondato da Mina Cappussi rilancia la notizia della nostra partecipazione alla veglia ed alla mobilitazione per la libertà del 29 novembre. UMDI, Un Mondo d’Italiani, riporta la notizia delle iniziative messe in campo per far sentire la nostra voce sull’Obbligo Vaccinale, sul quale deve esprimersi la Corte Costituzionale.

Dovrà esprimersi in merito all’estorsione del consenso ai vaccini, che ebbe a ridurre in schiavitù il popolo dei lavoratori dissenzienti. Con il pretesto di una pandemia e sulla base di affermazioni smentite dalle più prestigiose riviste mediche quali Nature, The Lancet, British Medical Journal, è stata annullata la Costituzione, distrutta l’economia italiana, introdotte misure repressive e di controllo sociale proprie dei sistemi totalitari e imposti trattamenti non solo inefficaci ma addirittura lesivi della salute

Obbligo vaccinale Corte Costituzionale è un paradosso lessicale, prima che politico sociale. Eppure, proprio sulla legittimità di un provvedimento che oggi ha fatto venire a galla tutte le sue criticità. “Mercoledì 30 novembre la Corte Costituzionale sarà chiamata a decidere sull’obbligo vaccinale. Sarà una giornata epocale per l’Italia e gli italiani”, ha detto Stefania Aversa, Segretario di Italia Libera .

Stefania Aversa ha ragione. Una data storica, quella del 30 novembre, che finalmente testimonia la presa di coscienza del popolo italiano vessato da una serie di provvedimenti (leggi DPCM) che, di fatto, hanno limitato e annullato libertà fondamentali conquistate in anni, decenni di lotte.

“Martedì 29 novembre – prosegue la Aversa – ci sarà una veglia e una giornata di mobilitazione per la libertà …Abbiamo fiducia nella Corte Costituzionale. Noi abbiamo combattuto e lo continuiamo a fare nelle Procure e nei Tribunali di tutta Italia contro la legiferazione liberticida dell’estorsione del consenso ai vaccini, che ebbe a ridurre in schiavitù il popolo dei lavoratori dissenzienti…Da 32 mesi siamo stati in prima linea contro la tirannia sanitaria ed il capitalismo terapeutico, per le libertà costituzionali e personali, per questo da martedì sera, il 29, saremo a Roma – di fronte al Colle – e in tutte le piazze d’Italia per una veglia e una mobilitazione per la libertà. ITALIA LIBERA è al fianco del popolo che non si rassegna e lotta…”

Tempestiva, in tal senso, la copertina di Panorama, Anno XV, n. 46, in edicola il 9  novembre 2022,  con un interessante servizio di Patrizia Floder Reitter. Colpite da effetti collaterali gravi, migliaia di persone in Italia non ricevono ascolto, nè cure, alcune si sono già rivolte all’estero. I loro racconti a Panorama testimoniano l’urgenza di una task force medica che affronti davvero la situazione invece di continuare a nascondere la testa sotto la sabbia.

E sincronizzata sull’attualità è apparsa anche l’ultima puntata, martedì 22 novembre 2022, della trasmissione condotta da Mario Giordano, “Fuori dal Coro“, che ci ha mostrato l’orrore del cardiologo Fabrizio Salvucci che ha ricordato il tempo dell’oscurantismo contemporaneo in cui non si poteva nemmeno ammettere che vi fossero effetti avversi.  “Nel tempo – ha dichiarato laconicamente il cardiologo – mi sono ritrovato non solo con le pericarditi, ma anche con sintomi, soprattutto nei giovani, con effetti invalidantiRischi cardiaci ammessi anche da Pfizer e Moderna. E il cardiologo Alessandro Capucci ha parlato di due studi importanti che hanno evidenziato, senza ombra di dubbio, come al di sotto dei 40 anni di età il vaccino Moderna ha determinato un incidenza di miocarditi 6 volte superiore. Il lavoro si basa su 42 milioni di pazienti

Solo a rivedere le immagini di cartoni animati, pupazzetti, offerte allettanti usate nel corso della pubblicità per il lavaggio del cervello viene da piangere. Bambini messi a rischio per perseguire l’obiettivo governativo che tanto bene ha fatto alle case farmaceutiche. “La campagna vaccinale è stata fatta in maniera scriteriata – ha chiosato il cardiologo Salvucci – senza nessuna  precauzione. Testata solo 1100 adolescenti e 1100 bambini vaccinati e solo per tre mesi. E consideriamo che in due anni di pandemia secondo l’Istituto Superiore di Sanità, tra bambini e adolescenti in tutto ci sono stati solo 37 morti di Covid a fronte dei numerosi effetti avversi riscontrati. Solo 37 morti su una popolazione di 10 milioni e mezzo. E anche per le persone sotto i 40 anni, i morti prossimi allo zero. Ma è proprio in queste fasce di età, bambini, giovani e adulti sotto i 40 anni, che riscontriamo il maggior numero di danni“. Ricordiamo un nome per tutti, la giovane, dolce, bellissima Camilla Canepa, uccisa dallo pseudovaccino.

“Il 29 novembre – riprende Stefania Aversa – la Corte Costituzionale è chiamata a pronunciarsi sulle diverse questioni sollevate dal Consiglio di Giustizia Amministrativa della Regione Sicilia, tra cui quella della validazione dell’obbligo vaccinale per i sanitari. In questi ultimi anni si è assistito alla costante e ripetuta negazione, da parte delle più alte cariche dello Stato, Parlamento e Governi, dei diritti inviolabili dell’uomo e delle libertà fondamentali sancite dalla Carta Costituzionale.

“Con il pretesto di una pandemia – le dichiarazioni di Italia Libera – e sulla base di affermazioni smentite dalle più prestigiose riviste mediche quali Nature, The Lancet, British Medical Journal, è stata annullata la Costituzionedistrutta l’economia italiana, introdotte misure repressive e di controllo sociale proprie dei sistemi totalitari e imposti trattamenti non solo inefficaci ma addirittura lesivi della salute, così come dichiarato, prove alla mano, dal Dott. Frajese alla Camera dei Deputati il 24 maggio scorso”.

“Italia Libera accoglie l’invito di Resistenza e Resilienza Italiana 2020 ed aderisce alla veglia e mobilitazione di libertà in tutte le maggiori piazze italiane il 29 novembre 2022”. Così in una nota Stefania Aversa, Segretario Italia Libera.

Un commento su “
Obbligo vaccinale Corte Costituzionale. Italia Libera aderisce alla veglia e mobilitazione per la libertà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *