MORTO A PARIGI TONI NEGRI

Lui e Aut Op pagarono la cacciata di Lama e aver osato contestare i sindacati confederati?

È morto a Parigi
Toni Negri, storico leader di Autonomia Operaia.

La notizia è stata annunciata ad alcuni media dalla moglie Judit Revel e dalla figlia Anna su Instagram.

Il filosofo e docente aveva 90 anni. 

Processato e condannato per insurrezione armata, viveva da anni in Francia dove beneficiò della cosiddetta ‘Dottrina Mitterand’ sul diritto d’asilo e dove insegnò in diversi atenei.

Rientrato in Italia nel 1997 per scontare la condanna definitiva a 12 anni, nel 1999 ottenne la semilibertà. Poi nel 2003 tornò libero.

Autonomia Operaia, da tutta la compagneria definiti i “fascisti rossi”, non fu mai accusata né di reati di sangue, né di azioni antifasciste.

Aut Op fu movimento popolare e pagò la cacciata del segretario della Cgil Lama dall’università di Roma.

La repressione si scatenò contro gli autonomi solo dopo aver “osato” contestare la Cgil e i confederati.

Altro che “casa dei lavoratori”, ieri come oggi la Cgil è sistema, deep state e traditrice del popolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *