L’ISIS è il braccio armato degli Stati Uniti

Aleksandr Dugin

Wilayat Khorasan* (o ISIS-K) è la propaggine afghana dell’ISIS.

Gli esperti di antiterrorismo e geopolitica, tuttavia, hanno notato da tempo che essi dirigono i loro attacchi terroristici e si oppongono a tutti coloro che si oppongono direttamente o indirettamente alle politiche egemoniche degli Stati Uniti.

Nello stesso Afghanistan, sono contro i Talebani e sono responsabili di attacchi terroristici su larga scala contro la leadership talebana.

In Iran, sono contro l’Iran in quanto tale e i loro rappresentanti sono responsabili dei bombardamenti al cimitero mentre onorano la memoria dell’eroico generale Qassem Soleimani, capo dell’IRGC, assassinato dagli americani.

Questa operazione è considerata dai servizi segreti iraniani un’operazione di copertura per le azioni del Mossad e della CIA.

In Siria, sono contro Assad, un altro acerrimo nemico degli Stati Uniti e dell’Occidente e amico della Russia.

In Iraq, sono contro il governo sciita (e anche contro curdi, cristiani e sufi).

In Pakistan, le loro reti sono contro le forze politiche favorevoli al rafforzamento della sovranità e contribuiscono all’escalation delle tensioni ai confini con l’Iran e l’Afghanistan, provocando scontri di confine insieme ad altre organizzazioni terroristiche.

In Turchia, l’ISIS è contro Erdogan nella misura in cui si discosta dall’agenda dell’Occidente e insiste sull’autonomia. E lì l’ISIS ha ammesso apertamente di aver compiuto gli attacchi terroristici di più alto profilo.

Nello Yemen, l’ISIS si accanisce contro gli Houthi, i principali nemici degli Stati Uniti nella regione.

L’ISIS sta cercando di creare un fronte nello Xinjiang e contro la Cina, il principale rivale economico degli Stati Uniti.

L’ISIS si sta assumendo la responsabilità di destabilizzare l’India, che sta diventando un polo sovrano.

L’ISIS in Africa e nel Maghreb è sempre un alleato oggettivo dell’Occidente.

Ma né l’ISIS né Wilayat Khorasan hanno nulla contro Israele, attualmente impegnato nel brutale annientamento dei palestinesi di Gaza.

La Russia non è attualmente attiva in Medio Oriente, né in Asia centrale, dove hanno sede le cellule di Wilayat Khorasan.

Hanno le loro reti in Asia centrale, ma sono piuttosto deboli in termini di capacità di combattimento.

Ci sono loro rappresentanti nel Caucaso settentrionale e tra gli immigrati legali e clandestini in varie città russe.
Al momento, nel contesto geopolitico generale, il Wilayat Khorasan e l’ISIS mediorientale non hanno motivo e senso di attaccare la Russia.

Al contrario, il regime terroristico di Kiev e l’Occidente collettivo, preoccupato del suo indebolimento, trarranno vantaggio da attacchi terroristici su larga scala a Mosca e in Russia nel suo complesso – e proprio ora. Subito dopo la trionfale elezione di Putin e in una situazione di grande mobilitazione della società e dello Stato.

*organizzazione terroristica internazionale bandita nella Federazione Russa.

(Fonte https://t.me/ideeazione)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *