La Serbia Come La Russia, Il Kosovo Come L’Ucraina: La Nato È Sempre La Nato!

La Serbia Come La Russia, Il Kosovo Come L’Ucraina: La Nato È Sempre La Nato!

di Franco Cardini 

Invito tutti a stare a orecchie ben tese e a diffondere al massimo la notizia delle provocazioni kosovare (quindi albanesi) contro la Serbia.

Lo schema è esattamente ed evidentemente lo stesso e la NATO è al solito la protagonista della provocazione.

Come per l’Ucraina, se i serbi esasperati per la provocazione contro la loro minoranza in Kosovo si muovessero al fine di tutelarla, l’assordante silenzio su quel che sta accadendo alla frontiera serbo-kosovara si trasformerebbe in immediato clamore mediatico: gli occidentali non informati avrebbero l’impressione di un attacco serbo al Kosovo analogo a quello russo all’Ucraina nel febbraio scorso.

La NATO sta allargando il conflitto russo-americano a Occidente colpendo al Serbia, solo spazio aereo di accesso all’Europa ancora consentito alla Russia; e tra le forze NATO presenti in Kosovo gli italiani sono in primissima linea.

Bisogna cominciar a parlarne SUBITO, prima che lo facciano gli altri: bisogna impedire che di nuovo i provocati finiscano col far la figura degli aggressori, e gli aggressori effettivi quella delle vittime.

Come al solito destre e sinistre filo Usa tacciono e litigano sul nulla, mentre la Nato ci porta dritti verso una guerra globale dove il nostro nemico è dentro i nostri confini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.