Durham: L’FBI Ha Pagato Il Russo Accusato Di Mentire Come Informatore Confidenziale Contro Trump

In una rivelazione bomba, il procuratore speciale John Durham ha rivelato martedì in atti giudiziari che l’FBI ha pagato un uomo d’affari russo come fonte umana riservata nelle indagini sulla campagna di Donald Trump del 2016 anche se aveva precedenti preoccupazioni che l’uomo d’affari fosse legato ai servizi di intelligence di Mosca.

Durham convinse il giudice federale nel prossimo processo a Igor Danchenko ad annullare una mozione rivelando che Danchenko, la fonte principale del dossier Steele, finanziato da Hillary Clinton, è stato pagato dall’FBI come fonte umana riservata per più di tre anni fino alla caduta del 2020 quando è stato licenziato per aver mentito agli agenti.

Danchenko è accusato di cinque capi di imputazione per aver mentito all’ufficio di presidenza durante quella relazione e dovrà essere processato il mese prossimo presso un tribunale federale nella periferia della Virginia di Washington DC.

Ancora più sorprendente, Durham ha confermato che l’FBI aveva preoccupazioni sui legami di Danchenko con l’intelligence russa un decennio prima, aprendo un’indagine di controspionaggio su di lui dopo aver appreso che stava cercando di acquistare informazioni riservate dall’amministrazione Obama.

Durham ha in programma di mostrare alla giuria le prove che Danchenko ha fatto “false dichiarazioni senza accusa all’FBI riguardo alla sua presunta ricezione di informazioni che riflettono la presunta attività sessuale salace di Donald Trump al Ritz-Carlton Hotel di Mosca”, si legge nel documento.

Il governo ha intervistato e prevede di chiamare a processo l’allora direttore generale del Ritz-Carlton Mosca, Bernd Kuhlen”, secondo il deposito, “un cittadino tedesco che non parla russo e che i rapporti Steele descrivono come  “Fonte E”  un membro anziano del personale dell’hotel.

(https://justthenews.com/accountability/russia-and-ukraine-scandals/new-durham-bombshell-fbi-paid-russian-accused-lying)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.