DUGIN CHIAMA FUSARO: SIAMO LA RIVOLUZIONE!

Quest’anno l’Occidente si aspetta una rivoluzione

Aleksandr Dugin

Esistono due occidenti: quello globalista e… l’ordinario.

I globalisti si rifiutano di ammettere che al mondo esista qualcuno oltre a loro.
Ecco perché insistono sul fatto che non esiste un secondo Occidente.

Ma lui è. Noi, il mondo multipolare, dobbiamo realizzare il più chiaramente possibile l’esistenza di questo Occidente n.2.

Esso è composto da una varietà di forze che non sono d’accordo con l’agenda globalista ultraliberale delle élite.

Ci sono persone di sinistra come Sarah Wagenknecht e il suo nuovo partito.
La “Red Sarah” (Valchiria di origine iraniano-tedesca) diventa un simbolo della sinistra illiberale europea.
In Italia, un teorico di spicco della stessa direzione è Diego Fusaro, allievo del marxista e antiglobalista Costanzo Preve.
In Francia, questi sono Alain Soral, così come Michel Onfray, Jean-Claude Micheat e Serge Latouche.

Questi esponenti della sinistra sono principalmente nemici del capitale globale, apertamente in contrasto con la pseudo-sinistra, comprata sul nascere da Soros, che è principalmente a favore della comunità LGBT, del nazismo ucraino, del genocidio di Gaza e dell’immigrazione incontrollata e contro la Russia e quello che i loro padroni capitalisti, essi stessi nazisti liberali, chiameranno “fascismo”.

C’è anche una componente di destra, molto martoriata, ma che in molti Paesi europei rappresenta la seconda forza politica più importante.

Ad esempio, Marine Le Pen in Francia. L’Alternativa per la Germania si rafforza in Germania.

In Italia, nonostante la debolezza liberale della Meloni, la metà destra della società non è scomparsa. Tutto il populismo di destra non è scomparso.

Tuttavia, la cosa principale dell’Occidente n.2 sono le persone comuni che non capiscono nulla di politica. Semplicemente non riescono a tenere il passo con le richieste di cambiare sesso, castrare con la forza i loro figli piccoli, entrare negli yuraki con le capre, portare e nutrire ancora più migranti e selvaggi maniaci ucraini incapaci di prendersi cura di sé e di una igiene di base, mangiare scarafaggi, leggere di notte preghiere a Greta Thunberg e maledire i russi che non hanno fatto loro nulla di male.

L’uomo occidentale della strada, il piccolo borghese, è il principale sostegno dell’imminente rivolta: smette di capire le élite liberali; è irreversibilmente rimasto indietro rispetto all’accelerazione della degenerazione e del degrado che queste élite richiedono al neo.

Un mondo multipolare deve aiutare la rivoluzione europea.

I cittadini dell’Occidente n.2 sono persone comuni che non sono colpevoli di nulla. Democraticamente, non hanno alcuna possibilità di cambiare la situazione semplicemente perché in Occidente non esiste democrazia da molto tempo e l’Occidente n.1 ha instaurato una dittatura liberale globalista diretta, principalmente sull’Occidente n.2.

Resta solo una cosa: rovesciare il potere degli usurpatori con mezzi rivoluzionari.

Questa è l’agenda 2024 per l’Europa.
La tua libertà è nelle tue mani.

(Fonte: https://t.me/ideeazione)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *