Una Crisi Senza Fine. Il Virtuale Si mangia Il Reale!

Ma la colpa è anche di tutti noi… La FED sta alzando moltissimo i tassi di interesse del dollaro.

In questo modo il mercato delle borse è temporaneamente crollato. Apparentemente può sembrare una manovra per combattere l’inflazione in realtà c’è una forte competitività tra dollaro e rublo e le altre valute orientali.
Ciò provocherà l’impossibilita a molte persone di pagarsi il mutuo.

Gli Stati Uniti a breve cominceranno a costruire alloggi popolari investendo su aziende di cementifici.
Ma allora se le materie prime in borsa crollano, perché aumentano i costi nella vita reale?

Perché l’economia si è spostata nella rete e a pochi importa della vita reale, sopratutto oggi in cui gli algoritmi che fluttuano creano un apparente consistente guadagno nella volatilità.
Il processo di virtualizzazione economica è alla base di ogni dramma che stiamo vivendo oggi.

L’economia pubblica si trasferisce in rete (circuito economico privato) e si distribuisce nelle tasche delle banche finanziatrici attraverso le multinazionali che adoperano i mercati.
Poi c’è la politica che dirige il main stream e fa credere che i costi delle materie prime siano aumentati, ma basta affacciarsi nel mondo del trading per capire che è solo una farsa.

Per contrastare la manovra della FED, i paesi arabi produrranno minor quantità di petrolio.
La minor offerta condurrà seriamente ad un aumento dei costi e quindi della produttività.
Ciò può far intravedere il crollo del valore di acquisto delle monete atlantiste

La lotta è sempre tra i due mondi. Il virtuale che vuol assorbire il fisico.

Indovinate chi ha innescato, provocato tutto ciò ?
Ognuno di noi con le nostre abitudini.
Il Main Street propone la politica accelera, ma alla fine a condurre il gioco è il libero arbitrio.
Buona riflessione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.