• Giuliano Castellino

UN NO CONTRO UNA RIFORMA INUTILE (E DANNOSA)

UN NO CONTRO UNA RIFORMA INUTILE (E DANNOSA)


Il referendum di settembre non scioglie nessun nodo e non ci fa uscire dal pantano del bicameralismo.

Un NO contro una riforma inutile e dannosa.


di Daniele Trabucco (Costituzionalista)


La riforma costituzionale inerente alla riduzione del numero dei parlamentari lascia irrisolta la questione del bicameralismo paritario attualmente previsto dalla nostra Costituzione nella Parte II.


Il problema della rappresentanza politica, che ne esce ridimensionata, consiste prima di tutto nel numero delle Camere e nella loro funzione.

Intervenire unicamente sulla composizione senza uno sguardo d'insieme é un'operazione vuota, propria della "retorica anticasta" pentastellata.


Il bicameralismo tutti lo vogliono riformare (la soluzione della legge di revisione costituzionale c.d. Boschi-Renzi era impraticabile. Ve li vedavate sindaci di grandi Cittá muoversi tra Roma e il loro Comune? P.S. Sono per la assoluta incompatibilitá tra la carica di sindaco e membro del Parlamento e questo a prescindere dal numero di abitanti), ma nessuno sa come: seguendo la forma di Stato regionale o creando una Camera delle competenze?


All'obiezione secondo la quale deputati e senatori di un territorio non li conosce alcuno, si deve replicare che la forbice tra rappresentante e rappresentato, essendo ancora piú ampia, avrá come conseguenza il fatto che i parlamentari saranno ancora meno noti e cercati dai cittadini, rendendo piú ardua di quanto lo é ora la selezione degli interessi pubblici.


INVITO A VOTARE NO.



1,272 visualizzazioni

La tua privacy è importante per noi, le tue informazioni sono sicure al 100% e non verranno mai condivise con nessuno

2020 © Cooperativa Editoriale Italia Futura, Via Paisiello 40 00191, Roma P. IVA 0000015628011007