• Giuliano Castellino

UN ANNO DI ITALIA MENSILE, UN ANNO DI CONTRO-INFORM-AZIONE! ABBIAMO ANCORA BISOGNO DI TE!


UN ANNO DI ITALIA MENSILE,

UN ANNO DI CONTRO-INFORM-AZIONE!

ABBIAMO ANCORA BISOGNO DI TE!


Caro lettore-militante di ITALIA MENSILE,


in primis ti ringraziamo per averci sostenuto in questa dura, faticosa, ma splendida battaglia.


Senza il tuo aiuto economico mai avremmo potuto lanciare questa sfida alle stelle.


Solo grazie al TUO ABBONAMEMTO siamo potuto uscire in questo anno terribile ed essere una voce controvento!


Più di un anno fa usciva il primo numero de L'Italia Mensile.


Era un altro mondo, quello prima del Covid: il mondo dove il sovranismo sembrava destinato a trionfare, Trump era il super Presidente degli Usa e Salvini il leader massimo del populismo nazionale.


Poi arrivò l'8 marzo. Il governatore leghista della Lombardia, Fontana, gridò alla pandemia e due giorni dopo l'Italia tutta andò in lockdown.


60 milioni di italiani furono rinchiusi agli arresti domiciliari, le strade vennero militarizzate, check point, droni e poliziotti erano gli unici segnali di vita nelle città, con i media che iniziarono una feroce campagna di condizionamento, terrore e paura che culminò nella sceneggiata delle bare di Bergamo.


Cina e Oms, comitati tecnico-scientifici e medici presero il posto di governi e politici. Tutto stravolto, in un attimo.


Dalle pagine di questo mensile dell'ARIA nazional popolare, da subito, ci schierammo contro la narrazione terroristica e criminale del Covid, denunciammo il piano globalista di "cinesizzazione" del mondo per far fuori Trump a tutti i costi (e così fu!). 


Da subito attaccammo mascherine, arresti di massa, lockdown e distanziamenti. Denunciammo queste pseudo misure di sicurezza come un'operazione di ingegneria sociale finalizzata a costruire una nuova dis-umanità.


L'Italia Mensile è già da un anno la voce di Forza Nuova, Italia Libera e di tutta l'AREA nazional-popolare e rivoluzionaria che ha resistito a Dpcm e repressione, organizzato mobilitazioni, manifestato per le libertà. 


Siamo stati quelli di Pasqua, del 25 aprile e dell' 1 di maggio. Quelli del 6 giugno al Circo Massimo e della Bocca della Verità. Quelli della RAI e quelli delle rivolte del Campanile che tennero le piazze di decine di città vive quando il sistema dispiegava la dittatura tecnocratica. Quelli della Messa di sempre il 15 novembre nel cuore di Roma.


Siamo, ancora, quelli delle cene di "Io apro!", del Governo di Liberazione Nazionale, del Sacro Cuore come bandiera di Fede e resistenza contro la nuova offensiva globalista e tecnocratica.


SIAMO LE AQUILE DI AREA CHE HANNO DECISO DI PUNTARE SULL'UNITÀ PER CONTINUARE A COMBATTERE IL SISTEMA!


SIAMO LE AQUILE CHE HANNO DECISO DI VINCERE DOVE ALTRI HANNO FALLITO!


Dopo un anno il mondo è stravolto, Biden è il nuovo Presidente degli Usa e gli americani sono tornati ad essere i cani da guardia del mondialismo. Washington è tornata a bombardare la Siria e ad abbracciare Israele.


In Italia, il Presidente del Consiglio è il banchiere Draghi, l'Uomo del Britannia e della Bce, l'alfiere della Troika e di Bruxelles, il liquidatore della Grecia.


Non esiste più opposizione parlamentare. 


Tutti stanno con il Vampiro ex governatore della Banca d'Italia. Anche Salvini è stato folgorato sulla via dell'euro ed è entrato nel governo rosso-verde-giallo-azzurro, vera accozzaglia arcobaleno. Anche la Meloni ha dichiarato il suo amore per Draghi, ma non l'ha sposato per eccesso di gelosia nei confronti dei 5 Stelle e del PD. 


La narrazione del Covid sembra aver vinto ed il Grande Reset è alle porte.


Dopo un anno, il nostro laboratorio di controinformazione affronta un gigante ora super corazzato e lo affronta quasi in solitudine, ma il futuro non ci spaventa: tutti con Draghi. Tutti contro l'Italia? 


NOI, DOPO UN ANNO, STIAMO E STAREMO ANCORA CON IL POPOLO!


Siamo ancora il sangue contro l'oro. Siamo ancora NOI contro LORO!


Siamo noi, la dottrina di pochi per la libertà di tutti.

Oggi come ieri contro antifascismo, grande Reset, globalizzazione e tecnocrazia.


Da questo numero saremo in tutte le edicole di Roma, con la voglia di arrivare in tutte le città d'Italia.


Per continuare a combattere anche quest'anno abbiamo bisogno del tuo contributo.


RINNOVA L'ABBONAMENTO AL NOSTRO MENSILE. I TUOI 50 EURO SONO "PROIETTILI" PER CONTINUARE A "SPARARE".


Ogni giorno leggi e diffondi il nostro BLOG (www.litaliamensile.it).


SIAMO NOI A URLARE IL TUO DISSENSO.


Giuliano Castellino

Direttore editoriale


La Redazione de

L'Italia Mensile




243 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti