• Giuliano Castellino

ULTIMORA: HACKERATI SITI BILL GATES, OMS E WUHAN VIROLOGT CENTER... NUOVO BOOM SNOWDEN?



ULTIMORA: HACKERATI I DATABESE DELLA FONDAZIONE GATES, OMS E WUHAN VIROLOGT CENTER... NUOVO BOOM SNOWDEN?

di Giuliano Castellino

E' notizia di pochissime ore fa, ancora taciuta dai giornaloni di regime, di un attacco informatico senza precedenti contro tre grosse organizzazioni globaliste, da 100 giorni balzate alla cronaca mondiale per il loro ruolo rispetto il coronavirus, la pandemia e i rapporti con la Cina. Sono stati hackerati i database della Gates Fundation, dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e del Wuhan Virology Center, il laboratorio da dove è uscito e partito il virus che ha messo in ginocchio mezzo mondo. I dati sensibili sono già online, con milioni di analisti, ricercatori e militanti politici pronti a mettere insieme le notizie e i pezzi del puzzle e apparati di potere pronti a screditare e smentire... o a tremare. In rete già possiamo trovare documenti esclusivi sull'origine del Covid-19 che sono finiti online dopo l'hackeraggio e noi de L'ITALIA MENSILE, come molti portali e riviste libere e di contro-informazione, stiamo lavorando per riportare - nel minor tempo possibili e prima che vengano fatte sparire - più informazioni ricavate online, anche se frammentate e sicuramente non esaustive, ma che possano aiutarci nella lotta di verità e libertà. In moltissimi stiamo lavorando per collegare i punti, ma diversi account verificati hanno confermato che gli account di questi siti istituzionali sono stati davvero hackerati. Non si tratta di un fake: quelli che stanno uscendo sono davvero contenuti nei database dei siti delle organizzazioni finite sotto "attacco". I documenti sono in rete e si possono scovare con il termine di ricerca "Gates Hack" e contengono già un elenco di donatori alla Gates Foundation. Nomi eccellenti, nomi incredibili, in primis tutti i sostenitori della campagna elettorale della Clinton, nomi eccellenti del deep state americano, vertici della finanza mondiale, uomini di Pechino e tanti, tanti altri. Uno dei primissimi documenti usciti in rete è una lista di virus. Un avviso di registrazione del secondo laboratorio patogeno microbiologico provinciale del Guangdong Shenzhen Modern Toxicology Key Laboratory, archiviato. Il numero di registrazione è 0301020321, il contenuto specifico è il seguente: Nome dell'unità: Indirizzo dell'unità: Distretto di Longshan, Shenzhen Il rappresentante legale (responsabile) del n. 8 Yuan Road Cheng Jinquan Nome del laboratorio: Laboratorio chiave moderno di Shenzhen del laboratorio di scienza moderna Indirizzo: n. 8 Longhua Road, Distretto di Nanshan, Shenzhen Responsabile del laboratorio: Liu Jianjun Nome del laboratorio dei microrganismi patogeni coinvolti: e un elenco di virus... Questo l'elenco trovato nei database hackerati: 1. Salmonella typhimurium; 2. Escherichia coli patogeno; 3. Lentivirus; articoli per operazioni con microrganismi patogeni correlati al laboratorio: 1, su Salmonella typhi (molte operazioni con batteri vivi): 2. Cancello febbre tifoide originale (test del campione); 3. Prodotto finito Sesamemon (esperimento su materiali non infettivi); 4. Batteri patogeni virulenti patogeni (fabbricati da un gran numero di batteri vivi); 5. Escherichia coli patogeno politico (test del campione); 6. Patogeno Medium dell’intestino crasso sessuale prima (E di materiali non infettivi); 7. 8. (: 9. Lavori meccanici di materiali infettivi allevati); 10. 11 Lentivirus (operazione di materiali non sensibili): Eccellente virus (operazione di materiali naturali); Comitato comunale di pianificazione della salute e della popolazione di Shenzhen (tasso: settembre giorno). Ma la notizia uscita che sta scioccando il mondo è la velina già on-line, datata 19 ottobre 2019, che si riferisce alle prime manifestazioni della malattia, quando i cinesi fanno varie ipotesi sulle possibilità di origine del virus, che inizialmente pare essere attribuito ai frutti di mare che generebbero delle polmoniti. Invece, dalle notizie che stanno uscendo dai database hackerate, tutto sembra essere andato diversamente. "Il 19 ottobre 2019, il dottor Zhengli Shi ha preso un autobus dall’Istituto di Tecnologia di Wuhan al (vero luogo del) laboratorio P4, a circa 16 miglia. Si è fermata una volta a metà del suo viaggio, aprì la valigia e mise un blocco di ghiaccio secco contaminato vicino a una presa d'aria nel mercato del pesce in questione. Questo particolare mercato è stato scelto perché si trova nello stesso edificio del centro della più grande rete ferroviaria ad alta velocità del mondo e perché non era al di fuori del suo normale percorso di viaggio. L'evento è stato catturato dalla CCTV". Insomma c'è scritto a chiare lettere che hanno preso questo virus e lo hanno liberato al mercato di Wuhan. A scriverlo, metterlo nero su bianco, archiviarlo nel database del Wuhan Institute of Technology, è stata una dottoressa del centro e non un noto complottista. Ora attendiamo la condanna generale del mainstream che sarà pronta ad intonare una condanna contro questa azione di contro-informazione ed attacco informatico, alzando gli scudi a difesa del loro padrone Bill Gates e del nuovo tiranno cinese, tentando di screditare fonti e notizie. Ma dalle prime ore qui sembra essere di fronte ad un vero terremoto. Un nuovo caso Edward Snowden! Riusciranno i nostro eroi a mettere in ginocchio Cina e Mister Macrosft? Sarebbe ora che i popoli rompessero le catene che portano al collo da troppi decenni, che in questi 100 giorni sono davvero diventate troppo corte e strette.

0 visualizzazioni

La tua privacy è importante per noi, le tue informazioni sono sicure al 100% e non verranno mai condivise con nessuno

2020 © Cooperativa Editoriale Italia Futura, Via Paisiello 40 00191, Roma P. IVA 0000015628011007