• Giuliano Castellino

SONO IL CINESE CONTE E IL POOL DEI 19 A DECIDERE IL FUTURO DELL'ITALIA. SOSPESA LA DEMOCRAZIA



SONO IL CINESE CONTE E IL POOL DEI 19 A DECIDERE IL FUTURO DELL'ITALIA. SOSPESA LA DEMOCRAZIA, SIAMO IN DITTATURA di Giuliano Castellino Lo avevamo annunciato e puntuale la cronaca è arrivata in nostro soccorso a confermare le nostre tesi e previsioni. Ormai in Italia governo e parlamento sono stati svuotati di ogni potere, la democrazia è stata sospesa, il cinese Conte ha assunto su di sè ogni potere, tra l'altro nominando un suo personale governo esterno, sotto sua guida, una task force di tecnici e scienziati, nominati insieme a Leonardo (ex Finmecanica), OMS, gestori di rete telefonica G5 e bancari. Ieri la nuova tirannia ha portato a casa i primi due importanti risultati, mettendo K.O. sia il governo che Confcommercio, che avevano tentato, con un filino di voce di dire la loro sulla fase 2 del post virus. Questo aveva dichiarato Lorenza Bonaccorsi, sottosegretaria alla Cultura: "Andremo al mare quest'estate. Stiamo lavorando per far sì che possa essere così". Queste le parole del sindacato di Confcommercio: "Serve un'ordinanza nazionale del ministero della Salute che stabilisca modalità uniche per gli stabilimenti di tutto il territorio, concordate con le organizzazioni di categoria". Immediata, secca e quasi arrogante la risposta dei "19": "Spiagge chiuse e turismo in lockdown". Insomma molto meno possibilisti gli esperti. "Pensare di programmare vacanze al mare quest'estate al momento è una possibilità da dimenticare", ha affermato senza mezzi termini Mario Schiavina, già direttore dell'Unità operative di Pneumologia e Terapia intensiva respiratoria del Policlino Sant'Orsola di Bologna. Andando in soccorso del pool di Colao. "Questo virus ha una contagiosità eccezionale. Anche quando ci saranno zero positivi e zero morti occorrerà sempre un grandissimo controllo perché tutto può ancora essere sotto traccia ed esplodere alla prima sciocchezza, come assembramenti o avvicinamenti di persone". Ha concluso il medico, facendo capire che medici e scienziati avranno sempre l'ultima parola in questa che ormai è una dittatura sanitaria, dove Conte ha abbracciato - mortalmente - la piovra dell'OMS, ne esegue gli ordini e insieme alla Cina ne difende gli interessi, per la realizzazione di un futuro e nuovo assetto globale, ancora in fase di assestamento certo, ma che non provvede nulla di buono. La seconda botta data dalla "banda Colao" è stara quella sulla libera circolazione dopo il 4 maggio. Che libera non sarà. In primis sarà da decidere nei giorni prima del 4, poi sarà obbligatorio l'uso della mascherina a norma, gli over 65 non potranno uscire e le liberazioni saranno controllate e regolate per fasce di età e ad orari. Insomma, 2 a 0 per il pool di Conte e palla al centro, che mentre esultava per la doppietta già annunciava che anche per la ripresa del Campionato di calcio nutriva delle perplessità, preparandosi a nuovi colpi di scena... Non abbiamo mai amato - anzi - il vecchio ordine mondiale, ma se queste sono le premesse, dalla padella stiamo passando alla brace, sempre che, molti dei protagonisti, tipo Bill Gates, non abbiano solamente cambiato casacca.

219 visualizzazioni

La tua privacy è importante per noi, le tue informazioni sono sicure al 100% e non verranno mai condivise con nessuno

2020 © Cooperativa Editoriale Italia Futura, Via Paisiello 40 00191, Roma P. IVA 0000015628011007