• Giuliano Castellino

SCOOP!!! TRUMP CONTRO POLITICA E TOGHE ITALIANE. LA TEMPESTA PERFETTA STA PER ARRIVARE




SECONDA PARTE DELLO SPECIALE DEL NOSTRO BLOG.

TRUMP CONTRO POLITICA E TOGHE ITALIANE.

LA TEMPESTA PERFETTA STA PER ABBATTERSI CONTRO IL REGIME ED IL NUOVO ORDINE MONDIALE.

Il mainstream tace, ma dagli Usa sembra arrivare un uragano che metterà a rischio tutto il sistema italiano ed il potere internazionale targato Clinton, Soros e Gates.


di Giuliano Castellino


Seconda puntata del nostro speciale sulla tempesta perfetta che si sta abbattendo sull'Italia.

Ancora una volta, in perfetta solitudine, tentiamo di squarciare il muro di gomma dei media di regime, pronti a fare quadrato intorno al potere tirannico italiano.


Tremano Renzi, Carrai, "spioni nostrani" e toghe militanti, mentre l'ex premier salva Bonafede per tenere uniti Mattarella ed esecutivo, perchè sa che Trump è pronto a colpire i democratici italiani.


Uno tsunami che a giugno potrebbe abbattersi su Politica, Magistratura ed Intelligence italiana.

Dopo le accuse di inquinamento politico, le toghe si trovano a fare i conti con le infiltrazioni delle Spie e di una rogatoria internazionale che li coinvolge insieme a pezzi di potere.


Già da mesi sappiamo che Renzi è molto preoccupato per una eventuale ritorsione americana a causa di un suo ruolo - e dei suoi amici di palazzo - da protagonista nel RussiaGate.


In questi giorni - quelle che sembravano essere indiscrezioni - si stanno trasformando in un uragano.

Il tutto mentre l'Italia è sotto pressione politica per l'emergenza pandemia e Trump si trova al verdetto elettorale per la riconferma alla Casa Bianca.


Non a caso lo sfidante Joe Biden ha avuto un endorsment pubblico di Obama, quest'ultimo accusato dallo stesso Trump di essere stato autore di un complotto internazionale che aveva il compito di spianare la strada alla Clinton, grazie a Mifsud, Renzi e Carrai.


Quello che sta accadendo in USA si sta ripercuotendo sulla stabilità politica italiana nonostante, sia il Governo che l'Opposizione, abbiano fatto fronte comune per tutelare Renzi ed i protagonisti dello scandalo Russia gate.


Quello che è ormai certo è che in questa vicenda di spie e di politici, sembrerebbe esserci un ruolo protagonista ricoperto da uomini della magistratura, che avrebbero spianato la strada non solo alla componente politica Anti-Trump, ma che avrebbero penalizzato anche alcuni progetti strategici del Bel Paese come il porto di Taranto.


Certo è difficile conoscere con precisione le informazioni di cui dispone il Presidente Trump, tuttavia giorno dopo giorno si moltiplicano gli elementi che collegano i governi PD dell'epoca e lo scandalo americano.


Dall'esclusione del Generale Flynn all'imbarazzante posizione del Governo Italiano sul prof. Mifsud, fino ai caldeggiamenti del capo di FBI a Roma Kieran Ramsey per la nomina di Marco Carrai (migliore amico e braccio destro di Renzi, nonchè suo procacciatore di finananziamenti dai tempi del partito popolare) alla direzione della cyber security Italiana c'è solo l'imbarazzo della scelta...


Ma probabilmente questo è ancora nulla rispetto a quello di cui dispongono Trump e gli Usa.


Ricordiamo che nell'esecutivo Renzi era pesante la presenza di Cantone all'ANAC, tra l'altro fotografato alla famosa cena con Obama, in questi mesi è emerso lo scandalo Palamara - Ferri e Lotti al CSM: alla luce di quello che sta emergendo da Wanshington, tutto sembra essere collegato, toghe e politici uniti e coinvolti per difendere interessi e posizioni.


Riguardo, quindi, al dottor Cantone, l'enigma più pesante è scoprire perchè aveva rapporti così stretti con l'ufficio di Victoria Nuland, grande promotrice del Russiagate presso il Dipartimento di Stato Americano, nonché amica personale dell'ex Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.


Attualmente vi sono vari procedimenti alla Procura di Perugia, quella destinata a controllare Piazzale Clodio, tra cui quello contro il Pm Albamonte, indagato per attivitá di hackeraggio di sistemi informatici posti sul territorio Americano.


Un vero colpo di Stato, con registi non solo americani, ma anche italiani, pronti a buttare giù Trump.

Una vicenda che sta tenendo alta l'attenzione di tutto il mondo, ma che in Italia è stata totalmente ignorata e silenziata dalla stampa mainstream.


Dimenticando che l'operazione "anti-trumpista", non solo doveva favorire la Clinton, ma tendere la mano al nuovo asse "Dem - Soros - Gates - Cina".


Ancora oggi Renzi e Carrai fanno coppia fissa, l'ex premier è al Governo del paese ed è entrato nel cerchio magico di Obama, Blair e Bildeberg, ma l'aver di fatto fondato ed inventato questo esecutivo e di essere uomo di punta dell'internazionale Dem difficilmente lo salverà da questa bufera.


Nonostante si troverà dalla sua sia Mattarella che le toghe, che faranno di tutto per opporsi alla rogatoria internazionale, sarà difficile fermare l'offensiva di Trump.


La cosa che non ci torna è il comportamento delle destre, dei cosiddetti sovranisti, che invece di favorire la caduta del sistema, sembrano invece difendere il regime.

Perchè Salvini e Meloni sono muti di fronte a questa vicenda? Eppure entrambi si sono sempre definiti sia filo russi, che amici di Trump.

Far cadere il Governo a causa di Renzi e mettere fuori gioco per sempre l'ex segretario del PD, dovrebbe essere "un calcio di rigore" per le destre, eppure non si muovono dalla posizione filo sistema.


Nella migliore delle ipotesi si tratta di uno stato di forte confusione ideologica dei presunti sovranisti, nella peggiore, si tratta di schifosi e viscidi rapporti tra esponenti del centro-destra Italiano e protagonisti dello SpyGate.


Rapporti che non mancheranno di essere portati alla luce, perchè davvero quella che dovrebbe arrivare d'oltre oceano è una tempesta perfetta che sembra destinata a non fare prigionieri.


Tremano il regime Italia e tutto il nuovo ordine mondiale...




0 visualizzazioni

La tua privacy è importante per noi, le tue informazioni sono sicure al 100% e non verranno mai condivise con nessuno

2020 © Cooperativa Editoriale Italia Futura, Via Paisiello 40 00191, Roma P. IVA 0000015628011007