• Giuliano Castellino

QUELLA PARTE D'ITALIA DA SEMPRE ANTINAZIONALE


https://www.repubblica.it/solidarieta/cooperazione/2020/03/26/news/tunisia-252364349/


La notizia dei 50 milioni di euro destinati alla Tunisia è passata in sordina sui media nazionali, un po' di sorpresa per il periodo di emergenza che stiamo vivendo c'è stata ma niente di particolare. Cercando la notizia attentamente poi si scopre che il movimento della Cassa Depositi e Prestiti è di fatto sui conti dell'ARCS (un'associata ARCI che si occupa di colture solidali) in virtù del progetto "Terre" che sta riscontrando problemi economici in Africa per colpa del coronavirus. Senza vergogna a riportare la notizia è Alberto Sciortino, giornalista de La Repubblica e cooperante ARCS (https://www.repubblica.it/solidarieta/cooperazione/2020/03/26/news/tunisia-252364349) che si giova dell'intervento del Governo per aiutare "la maison d’hôtes di Selma, che doveva inaugurarsi in tempo per la stagione turistica e che per adesso non aprirà. E la stagione turistica, per Selma come per tutti gli operatori del settore, resta un miraggio lontano". Come spesso succede certi Italiani sono incuranti, ad esempio, delle miriade di alberghi e altre attrazione turistiche che rischiano di non poter affrontare la prossima stagione turistica e si preoccupano, facendo pervenire soldi italiani, di attività tunisine in difficoltà. Nel pieno di un'emergenza sanitaria e con il Paese, se non si prendono le contromisure necessarie, sull'orlo di una guerra civile.

0 visualizzazioni

La tua privacy è importante per noi, le tue informazioni sono sicure al 100% e non verranno mai condivise con nessuno

2020 © Cooperativa Editoriale Italia Futura, Via Paisiello 40 00191, Roma P. IVA 0000015628011007