• Giuliano Castellino

QUELLA MASCHERINA E' UN BAVAGLIO, SIMBOLO DI SCHIAVITU', SEGNO DEL POTERE CHE DOMINA SUI POPOLI!



QUELLA MASCHERINA E' UN BAVAGLIO, SIMBOLO DI SCHIAVITU', SEGNO DEL POTERE CHE VINCE E DOMINA SU POPOLI E NAZIONI di Michele Lollino "L'importante non è che ci crediamo noi. L'importante è che ci credono loro" . Se leggiamo la biografia di molti esponenti della politica nostrana e internazionale, troviamo tra le altre cose la loro affiliazione alla massoneria. Ma esattamente cos'è la massoneria? Quale scopo si prefigge? Bene, la massoneria è una associazione pubblica o segreta di persone che hanno obiettivi socio-politici che non passano attraverso i normali canali democratici, i quali membri seguono la dottrina del gradualismo che in sintesi dice che per raggiungere uno scopo occorre il tempo giusto perché esso venga correttamente assimilato dalla gente attraverso i piccoli cambiamenti. La massoneria è guidata dallo gnosticismo, il credo secondo il quale l'uomo può arrivare a Dio e infine diventare Dio egli stesso, attraverso il processo della "gnosi" della conoscenza Innata che alcuni eletti possiedono. La convinzione di essere custodi di questa conoscenza li autorizza a distruggere e ridisegnare il mondo continuamente: stiamo parlando dell'idea suprema di ogni massone: "il solve et coagula , nel quale Ouroboros, il serpente che mangia se stesso, ne è la rappresentazione più vivida". La massoneria vera e propria nacque in Inghilterra e Scozia, ma in realtà ha origine in tempi più remoti. Il termine macon (muratore) è francese ed è legato alla storia delle corporazioni dei liberi muratori (freemasons); il loro simbolo è la livella e il compasso (usati appunto dai muratori). I massoni sembrano nascere da Hirem Abif leggendario architetto, "illuminato" spiritualmente durante la costruzione del tempio di re di Salomone (gnosi). La massoneria è strettamente collegata al potere, basti pensare che mafia deriva dalla oblonica massonica di Mazzini, di cui era un gruppo scelto, un cerchio magico, ed era l'acronimo di: Mazzini Autorizza Furti Incendi Avvelenamenti. La massoneria, abbraccia le arti magiche oscure della religione babilonese. Lo gnosticismo fu creato dallo storico satanista ebreo Eliphas Levi da Simon, un mago, l'uomo che per primo espose il mito della Fenice (culto abbracciato, poi dai massoni nel solve et coagula). I massoni credono di essere i discendenti dei Cavalieri Templari: custodi della filosofia Antica, la religione babilonese. Credenza che viene tenuta oggi in vita dai rosacroce e dai gesuiti, loro superiori. Con la nascita degli "Illuminati" nel 1776 ad opera di Weishaupt il gesuita, la massoneria passa sotto il controllo dei gesuiti ed il generale dei gesuiti diventa così il capo supremo del pianeta. Oggi il papa nero, il generale dei Gesuiti, è Arturo Sosa, i cui uomini infiltrati ovunque, controllano le più potenti organizzazioni mondiali. Ma come usano la religione babilonese i massoni? Perché? A quale lo scopo? Per avere potere sugli altri, attraverso rituali: esoterici, orientali o babilonesi. Sdoganati dalla teosofa satanista Blavatsky, tali rituali prevedono sacrifici umani, cerimonie con sangue e uso di droghe e cannibalismo. Attraverso questi rituali arrivano ad ottenere livelli di concentrazione tali che riescono (o pensano di riuscire) a intervenire sul fato, a fiaccare i loro nemici (l'umanità)drenando la loro energia: vampirismo. Al fine di ottenere successo e potenza drenano l'energia del resto degli umani considerati inferiori. Diversi membri massonici fanno parte di sette sataniche, per esempio all'interno dell'ONU c'è ne una: la "Lucis Trust". Bram Stoker (quello di Dracula) era ad esempio legato alla società esoterica "Golden Dawn", assieme a Aleister Crowley (in Italia cacciato e bandito da Mussolini proprio dopo essere stato scoperto a fare riti strani). Il culto del vampirismo è legato alla divinità egizia Khepr che simboleggia la rinascita: in sintesi attraverso il solve et coagula, operano la loro rinascita rimanendo immutabili, come gli esseri della notte del romanzo di Stoker. Il vampiro psichico che si ciba di sangue deriva da demoni (incubus o succubus) che succhiano la vita delle persone e drenano la loro energia. Il demone che meglio rappresenta questo stato di cose è BELIAL, demone della tradizione giudaica, rappresentato simbolicamente da una figura che assomiglia in modo inquietante a una MASCHERINA! E SI AVETE LETTO BENE, AD UNA MASCHERINA! Gli schiavi che usavano ribellarsi ai loro padroni venivano puniti facendo indossare loro una maschera, una sorta di bavaglio, che oltre a nascondere il volto e l'espressione, rendendo l'uomo privo di propria identità, viene soffocato, gli viene tappata la bocca e quindi privato di parola. Allo stesso modo sembra si voglia punire la popolazione mondiale rea di progredire nel benessere, facendole indossare una maschera, convincendola sia per il loro bene, arrivando ad ipotizzare la separazione forzata dai loro cari a causa del rifiuto ad indossare questo indumento ovunque anche in casa. Belial l'impuro, il portatore di malattie, il capo dei demoni durante la battaglia contro i figli della luce, viene invocato ripetutamente col simbolismo dell'uso delle mascherine. Uno degli alleati più potenti dei satanisti massonici, costituiti da una elite di psicopatici onnipotenti (grazie alla smisurata quantità di danaro e potere in possesso) che rivendicano il loro diritto di esistere al posto degli altri, viene continuamente evocato nella speranza che ritorni dal luogo ove esso è stato relegato. La cosa drammatica che quello che sembra essere complottismo è la drammatica realtà. Oggi tutti i vertici del potere globalosta, da quelli sanitari (OMS) a quelli finanziari (Banche, Fondi, Assicurazioni), da quelli medici e tecnologici (Bill Gates) a quelli mediatici (da Hollywood ai social), sono controllati da questi pazzi. Così come i governi delle nazioni, ormai svuotati da ogni potere e schiacciati e relegati al ruolo di comparse da queste strutture e organizzazioni apolidi e sovranazionali, sono occupati da "fratelli massoni" pronti a eseguire gli ordini degli altri "fratelli". PER QUESTO LA SCELTA DELLA MASCHERINA NON CI E' SEMBRATA SECONDARIA. E' UN VERO RITO, DA SECOLI, USATO PER SCHIAVIZZARE L'UMANITA'. D'altronde non ci voleva molto a comprendere che un popolo in mascherina è un popolo col bavaglio, privo di espressione e parola, messo accuccia, privato di quel grido di lotta e libertà che ha sempre rovesciato anche i piani di questa cricca di psicopatici devoti al male.

0 visualizzazioni

La tua privacy è importante per noi, le tue informazioni sono sicure al 100% e non verranno mai condivise con nessuno

2020 © Cooperativa Editoriale Italia Futura, Via Paisiello 40 00191, Roma P. IVA 0000015628011007