• Redazione/litaliamensile

MANOVRA DI KRISTELLER E CONTROLLO DELLE NASCITE. L'OMS CONTRO LA FAMIGLIA

di Giuliano Castellino


Le ostetriche una volta chiamate

mammane, ed oggi purtroppo "laureate", mai hanno voluto veramente approfondire la fisiologia clinica e la semeiotica ostetrica per aiutare le mamme e i neonati e conoscere come prevenire le condizioni di stanchezza ed affaticamento psico fisico della partoriente, necessarie a capire la difficoltà della donna a contrarre utero e quindi i conseguenti ritardi nella espulsione fetale e sono sempre state isteriche ed ideologiche oppositrici a qualunque tecnologia diagnostica e terapeutica che prevenisse le complicanze di madre e neonato dovute anche al mal posizionamento/mancata progressione del feto.


Piuttosto la loro ideologia si è ben coniugata con pratiche medioevali (in questo caso non attaccato e criticato) e pericolose come la manovra di Kristeller, bandita in molti paesi UE, ma in italia molto usata per risparmiare "sui tagli Cesárei ed utilizzata per accelerare la fase espulsiva", nonostante che sia causa anche di morte materna e fetale e disabilità del neonato.


Ecco che la "licenza di uccidere" la lascia proprio il Ministero della Salute, che mantiene da almeno 20 anni un errore di segnalazione di questa pericolosa manovra nei sistemi informativi così che le ostetriche sono sicure della loro intoccabilità ed impunibilità medico legale, oltre al fatto che anche loro stesse mai ne segnalano il suo uso nelle cartelle cliniche.


Ecco che oramai siamo abituati a leggere sui quotidiani di neonati neurolesi e quindi tetraplegici al parto in questo o quello ospedale della penisola e di mamme morte per emorragia e rottura di utero, lacerazioni perineali, incontinenza fecale e urinaria sempre per colpa di questa maledetta manovra fatta con pugni gomiti ginocchia e braccia sull'inerme grembo materno.


A tal propósito ci chiediamo come mai lo Stato non abbia mai eliminato l'uso nonostante le decine di interogazioni alla camera, al senato e nei vari Consigli regionali della penisola.


Anzi lo Stato ne permette l'uso e ne nasconde le tracce seppur sia evidente la continua produzione di famiglie distrutte fisicamente e moralmente e di sprechi colossali per le conseguenti emergenze.


Dato evidente sono il continuo crollo delle nascite e di madri che non vogliono più avere un secondo figlio.


Ci chiediamo se l'Italia non sia come per il Covid un laboratorio di sperimentazione della riduzione/distruzione delle nascite e della famiglia che proprio in Italia è stata la base culturale e formativa della società, mentre negli ultimi anni abbiamo aperto le porte ad immigrati e favorito la deviazione della naturalità come LGTB.


Alla luce dei recenti fatti che hanno dimostrato la malafede dei nostri massimi dirigenti sanitari, inginocchiati all'OMS, a sua volta intriso di New Age, viene naturale chiedersi se

l'ideologia global-satanica è presente anche nelle nostre massime dirigenze sanitarie e come mai questo fattore maligno di distruzione familiare e dela vita venga tenuto così sommerso ed invisibile.


Se poi approfondiamo scopriamo che la presidente di AIO (Associazione Italiana Ostetriche ) Antonella Marchi è stata relatrice al Summit mondiale della nascita nel 2010, organizzato dalla setta DAMANHUR e così anche anche Piera Maghella, che lo Stato ha pagato per insegnare l'empowerment alle ostetriche da usare sulle donne in gravidanza.


Sappiamo che l’empowerment è una tecnica psicologica adottata nei manicomi, ma che è addirittura parte di direttive nazionali del ministero salute.


Sappiamo anche che le donne che non hanno le forze per partorire vengono traumatizzate, umiliate e ingiuriate dalle ostetriche in sala parto che le accusano di non essere "buone madri".


A parte i danni fisici appena descritti, tali manipolazioni mentali portano le donne a traumi che si trascinano tutta la vita con conseguenti ricadute negative sulla intero nucleo familiare.


Sappiamo anche che i "padroni e padrini del mondo" non amano propriamente vedere una famiglia felice per cui occorre capire come mai tali nefandezze continuano non solo ad essere praticate, ma ad essere nascoste dallo Stato anche a costo di violare sistematicamente le regole e le stesse norme.


Sicuramente il "male" non vuole la sicurezza delle cure e la serenità delle categorie fragili come le donne e i bambini ma gode a trasformare le persone in malati cronici e traumatizzati psicologicamente.


Ci chiediamo infine se la paura e il terrorismo psicologico di questo virus, questa diabolica manovra mortale in sala parto, i letali pesticidi che causano tumori, malattie cardiovascolari e sterilità, e le pericolose onde elettromagnetiche del 5 G, OGM, siano figli dello stesso progetto globalista.


Forse basterebbe vedere chi è connesso a tali "armi di distruzione di massa" poi sono sempre le stesse pochissime persone.

0 visualizzazioni

La tua privacy è importante per noi, le tue informazioni sono sicure al 100% e non verranno mai condivise con nessuno

2020 © Cooperativa Editoriale Italia Futura, Via Paisiello 40 00191, Roma P. IVA 0000015628011007