• Giuliano Castellino

LA LEGA APRE AL GOVERNO. LA DESTRA CALA LA MASCHERA. ANCHE LORO CON IL PARTITO UNICO DEL COVID

Salvini apre a un governo di unità nazionale per accompagnare il Paese al voto: "Noi ci siamo".


La Lega apre al Governo, pronta a sostenere Conte, i 5 Stelle (vecchi e forse mai dimenticati alleati) ed il Pd.

Il leader della Lega ha dichiarato: "Spero di vedere Conte la prossima settimana".


Immediata la risposta del presidente del Consiglio: "Il tavolo di confronto con le opposizioni è sempre aperto".


LA LEGA APRE AL GOVERNO. LA DESTRA CALA LA MASCHERA. ANCHE LORO CON IL PARTITO UNICO DEL COVID


La Lega apre al Governo, pronta a sostenere Conte, i 5 Stelle (vecchi e forse mai dimenticati alleati) ed il Pd.


Il leader della Lega ha dichiarato: "Spero di vedere Conte la prossima settimana".

Immediata la risposta del presidente del Consiglio: "Il tavolo di confronto con le opposizioni è sempre aperto".


Ha continuato il capo dei leghisti: "Dare una mano agli italiani sempre e comunque, accompagnare il Paese a nuove elezioni con un governo serio? Noi ci siamo". 


Insomma l'ex "Uomo Felpa" apre all'ipotesi di un governo di unità nazionale.


Sembrerebbe una risposta a Renzi, che invece sta minacciando di far cadere il governo.


Ha infatti aggiunto Salvini: "Gli ultimatum di Renzi per me valgono più o meno zero. Noi siamo preoccupati perché tutto il resto d'Europa sta correndo, sta vaccinando, sta investendo. In Italia abbiamo un governo fermo e litigioso che parla di rimpasto e legge elettorale".


La posizione della Lega ha diviso la destra italiana, soprattutto quella in "mascherina tricolore".


Ad oggi Giorgia Meloni non sembra intenzionata a governare insieme a dem e grillini: "Fdi è indisponibile a appoggiare un esecutivo con Pd e M5S".


Anche se poi una finestra aperta la lascia: "Il problema di questa legislatura è che risulta impossibile formare una maggioranza senza che ci sia anche uno di questi due partiti di sinistra. Se poi si vuole sostituire Conte non saremo certamente noi a difenderlo opponendoci, ma non faremo mai parte di nessun governo con chi oggi lo sostiene".


Magari con Draghi, vero?


La destra italiana ha calato la maschera.

Ormai, parte integrante del PUC (Partito Unico del Covid), non fa nemmeno la finta.

Insomma, se da anni si giocava a fare la finta opposizione, oggi ci si palesa senza ombre.


Da decenni parliamo di due facce della stessa medaglia, oggi potremmo parlare di "Giano bifronte".


Ormai tutta la politica italiana è supina al potere globalista ed internazionale, urge una vera opposizione che superi vecchi schemi, steccati e linguaggi, in grado di costruire un'alternativa radicale e totale a questo sistema.


Una forza anti-regime autentica, che si sganci da ogni legame pregiudiziale e lotti per la liberazione nazionale.


Tutto il resto, come cantava Califano, è noia...




535 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti