• Giuliano Castellino

IN VENETO FORZA NUOVA, PARTITE IVA E LAVORATORI UNITI PER LA LIBERTA'!



IN VENETO FORZA NUOVA, PARTITE IVA E LAVORATORI UNITI PER LA LIBERTA'! Ciao, ho firmato una petizione indirizzata a Presidente della Repubblica Sergio Mattarella - Governatore della Regione Veneto Luca Zaia intitolata: "Riapertura delle attività commerciali e ripristino diritti costituzionali" Vuoi firmarla anche tu? Clicca qui: http://www.citizengo.org/it/179061-riapertura-delle-attivita-commerciali-e-ripristino-diritti-costituzionali?utm_source=wa&utm_medium=social&utm_content=typage&utm_campaign=&tcid=69910327 Grazie DESTINATARIO: PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SERGIO MATTARELLA - GOVERNATORE DELLA REGIONE VENETO LUCA ZAIA Riapertura delle attività commerciali e ripristino diritti costituzionali By Italia Futura · 02/05/2020 Per la riapertura totale e incondizionata di tutte le attività commerciali e lavorative, per il ripristino della libertà di culto, di movimento e di riunione, diritti costituzionalmente tutelati rispettivamente negli artt. 41, 19 e 16 e 17 della Costituzione repubblicana vigente PREMESSO CHE dopo aver verificato i dati recenti e le evidenze emerse relativamente alla causa delle morti del cosiddetto COVID 19, RITENIAMO distruttivo e inconsistente il blocco delle aziende, soprattutto quelle commerciali, del turismo e della ristorazione, che causerà la morte e il fallimento di almeno il 40% delle stesse portando all’inevitabile distruzione dell’indotto con danni incalcolabili per l’economia e le famiglie italiane. RITENIAMO altresì che tutto questo sia frutto di un grande progetto di distruzione delle piccole e medie imprese a vantaggio della grande distribuzione, grande ristorazione e commercio online (ad esempio Amazon) e che il vero scopo di questo terrorismo propagandato su tutti i media sia proprio impaurire le masse e renderle dipendenti da applicazioni sul cellulare o peggio dalla vaccinazione obbligatoria in merito alla quale molti medici e scienziati avanzano forti perplessità, non essendoci peraltro una garanzia assoluta di assenza di rischi avversi visto che lo stesso ordinamento costituzionale (ai sensi della legge ordinaria dello Stato n. 210/1992) che riconosce apertis verbis un indennizzo per il danno da vaccino. RITENIAMO, quindi FONDAMENTALE difendere le PMI, struttura essenziale dell’economia, decimate da continui balzelli e norme imposte dai vari Governi delle liberalizzazioni selvagge che hanno distrutto interi settori: basti pensare alle «lenzuolate» di Bersani o ai provvedimenti di montiana memoria. Il tutto con il solo fine di distruggere settori strategici di Partite IVA e piccole e medie imprese, che formano il tessuto locale, per favorire unicamente quell’affermazione dell’ordo neoliberista che, dal Trattato di Maastricht del 1992 ad oggi, ha portato ad una modifica silente della stessa forma di Stato in assenza di modifiche formali del Testo fondamentale ex art. 138 Cost. RITENIAMO, DUNQUE, GRAVE la situazione italiana e, per questa ragione, abbiamo deciso di presentare la presente petizione popolare funzionale alla salus della nostra economia e amata Italia. Sebbene non necessitate sul piano giuridico, CHIEDIAMO • Ripristino libertà costituzionali con annesse dimissioni dell’attuale Esecutivo il quale ha approvato decreti-leggi tardivi rispetto alla dichiarazione di emergenza nazionale (deliberazione del Consiglio dei Ministri 31 gennaio 2020) e peraltro di dubbia costituzionalità (in particolare il d.l. n. 6/2020 poi abrogato dal d.l. n. 25/2020), servo dei grandi poteri economici, della finanza internazionale, della Organizzazione Mondiale della Sanità (finanziata e diretta da Bill Gates che vuole, stando a quanto riportato da numerose fonti, vaccinare 7 miliardi di persone). La lesione di alcune delle libertà fondamentali, compresse senza tener conto che una loro minima operatività, sia pure in una logica di bilanciamento con la tutela collettiva della salute ex art. 32 Cost., deve essere comunque garantita (sent. n. 67/1990 Corte cost.), implica una precisa responsabilità (ai sensi del comma 2 dell’art. 77 della Costituzione) politica e giuridica del Governo Conte bis sulla quale chiederemo alla magistratura ordinaria di indagare. Dubitiamo, infatti, che il sacrificio totale di alcuni diritti costituzionalmente garantiti possa considerarsi un interesse pubblico rilevante (secondo l’espressione della legge costituzionale n. 1/1989) tale, in caso di richiesta e procedere, a condurre ad un voto contrario da parte del Senato della Repubblica. • La riapertura totale e incondizionata delle attività produttive e lavorative in particolar modo in Veneto, Regione che sta cercando di reagire fortemente e che può fare da traino a quelle vicine e a tutta Italia; • Che si formi un comitato di altissimo livello scientifico che comprenda uomini di fede, di scienza e di legge il quale, ogniqualvolta il Governo assieme alla elite sanitarista intende chiudere la vita sociale e l'economia di un territorio, si interponga con le forza delle idee e del senso comune a difesa delle libertà e della dignità del nostro popolo. PRIMI FIRMATARI Daniele Trabucco – Docente universitario Giuseppe De Cet – Partita Iva, Resp. Forza Nuova Belluno Luca Castellini (Verona) – Lavoratore, Dirigente nazionale Forza Nuova Roberto Fiore (Roma) - Segretario Nazionale Forza Nuova - Apf Luca Leardini (Padova) - Partita Iva, Coordinatore regionale Forza Nuova Veneto Marco Grandesso - Partita Iva, Forza Nuova Treviso Rudi Favaro - Partita Iva, Forza Nuova Venezia

Alessandro Caberlon - Docente, Forza Nuova Rovigo Nicola Poli - Partita Iva, Forza Nuova Padova

287 visualizzazioni

La tua privacy è importante per noi, le tue informazioni sono sicure al 100% e non verranno mai condivise con nessuno

2020 © Cooperativa Editoriale Italia Futura, Via Paisiello 40 00191, Roma P. IVA 0000015628011007