• Giuliano Castellino

ESEMPIO SERBIA. IL POPOLO UNITO VINCE E SI LIBERA DAL LOCKDOWN!

ESEMPIO SERBIA. IL POPOLO UNITO VINCE E SI LIBERA DAL LOCKDOWN!


"Serbia, il presidente Vucic ritira le restrizioni dopo l'assalto popolare al parlamento.


Dopo aver fatto irruzione nella sede governativa, il popolo ha dato il via ad un'insorgenza che ha costretto Vucic al cambio di rotta".


Alla fine il popolo serbo ha vinto e si tratta, a ben vedere, della prima vittoria di un popolo che, ribellatosi alle misure imposte dal sistema della Dittatura Sanitaria Mondiale, si è ripreso quella libertà che un oscuro gruppo di tecnocrati pagati dalle multinazionali voleva sottrarre loro.


Cosa è successo di preciso?

Pochi giorni fa il presidente della Serbia, Vucic, aveva annunciato il varo di nuove misure restrittive e un altro lockdown a seguito dell’aumento dei casi dei contagi.


La gente non ha piegato la testa.


Ora basta – hanno gridato – e si sono precipitati sotto il palazzo del Parlamento a Belgrado, prendendolo letteralmente d’assalto.


Alcune centinaia di persone sarebbero riuscite perfino ad entrare negli uffici presidenziali.


Una rivoluzione in piena regola. Sono dovuti intervenire reparti speciali e la promessa che il presidente ci avrebbe ripensato per calmare gli animi.


In questi giorni è arrivata la conferma: Vucic ha annunciato il ritiro della proposta delle misure emergenziali.


Il popolo serbo ha vinto e si è ripreso la libertà!


La gente ha percepito che quello di Vucic era un colpo di stato per imporre una dittatura e ha risposto con forza e dignità.


Intanto, in altre parti del Paese si combatte ancora. Nuovi scontri sono stati segnalati a Novi Sad.


I media italiani non stanno seguendo queste vicende per evitare fenomeni emulativi.


Proprio stamani Conte ha annunciato la sua volontà di estendere lo stato di emergenza di altri sei mesi ed un altro pesante (e mortale!) lockdown sembra imminente.



1,895 visualizzazioni

La tua privacy è importante per noi, le tue informazioni sono sicure al 100% e non verranno mai condivise con nessuno

2020 © Cooperativa Editoriale Italia Futura, Via Paisiello 40 00191, Roma P. IVA 0000015628011007