• Giuliano Castellino

E' ARRIVATA IMMUNI: SAREMO TUTTI TRACCIATI, CONTROLLATI E SPIATI! BENVENUTI NEL NEL GRANDE FRATELLO!



E' ARRIVATA IMMUNI: SAREMO TUTTI TRACCIATI, CONTROLLATI E SPIATI! BENVENUTI NEL REGIME DEL GRANDE FRATELLO.

Come nel romanzo di Orwell saremo tutti sotto il Grande Occhio. La nostra libertà è finita, un popolo a catena, con la museruola e ridotto alla fame.

Senza libertà e giustizia sociale non c'è futuro.

E' giunto il momento della mobilitazione popolare e della disubbidienza diffusa.

"Italia libera!" è il grido di battaglia!


di Giuliano Castellino


Dopo le prime ore di vita l'app Immuni (il servizio ha già registrato sul solo Google Play Store oltre 5.000 installazioni e oltre 2.000 commenti) sta già dividendo gli italiani.


Da una parte gli "scaricatori seriali", quelli pronti ad utilizzare ogni applicazione e che sembrano felici di essersi messi il maresciallo nel telefono, dall'altra chi sta boicottando il tracciamento di massa.

Va detto che al momento l'utilizzo dell'app è del tutto parziale: la sperimentazione è attiva – e solo a partire da lunedì 8 giugno – soltanto su alcune regioni, il che significa che prima dell'avvio effettivo del tracciamento dei presunti contagi occorrerà attendere qualche giorno almeno.


Il test è in pista di lancio nello specifico in quattro regioni (Puglia, Abruzzo, Marche e Liguria) e sarà esteso a tutta la nazione presumibilmente nel giro di 1-2 settimane. Ciò significa che ad oggi il tracciamento è probabilmente effettivo, ma non lo è l'interpolazione con le attività sanitarie che avrebbero la possibilità di contrassegnare le utenze positive al tampone facendo partire le notifiche correlate.


Solo in quella fase sarà possibile dare giudizi compiuti sia sull'app che sul meccanismo complessivo di tracciamento dei contagi.


Da una prima lettura dei giudizi su Google Play emergono però anche una serie di problemi tecnici su Android che sembrano avere in comune il Bluetooth di Huawei.

(Tra i dispositivi citati dagli utenti si segnalano i vari P30 Lite, P10 Lite, P9 Lite, P8 Lite, P10, P Smart 2017, P Smart 2019 e altri ancora).

La natura del problema sembra essere sempre la medesima: il Bluetooth si disattiva mentre il telefono è in stand-by, bloccando quindi di fatto il funzionamento dell'app in entrambe le direzioni: gli utenti né ricevono, né trasmettono, i codici crittografati relativi alla propria utenza e – pur se inconsapevolmente – non partecipano pertanto al contact tracing condiviso.


A noi poco interessano queste problematiche, quello che ovviamente ci preoccupa è l'utilizzo di questo strumento che nei fatti controllerà ogni nostro contatto e spostamento.


A tal proposito vogliamo diffondere un messaggio che sta girando sui social e su whatsapp, utile a difendere la nostra libertà, anche contro gli "schiavi volontari":


"A tutti i miei contatti, che installeranno l'app COVID-19, vi prego di cancellarmi dalla vostra lista di contatti telefonici e Facebook prima di installare l'app sul vostro smartphone!

Non fornisco il mio consenso per usare il mio numero di telefono in connessione con la tua app per l'identificazione, il monitoraggio o la localizzazione della mia persona!!!

Perché, se avete questa applicazione tutti i vostri contatti saranno conosciuti e rintracciati a loro volta, contro la loro volontà.

Grazie, amici, ma io sono totalmente contrario a che si possa istallare una simile app sul cellulare. Tale richiesta, da parte del governo o di chiunque, è ASSOLUTAMENTE ILLEGALE POICHÉ PRIVA IL DIRITTO DELLA PERSONA, SANCITO DALLA COSTITUZIONE, A TUTELARE LA PROPRIA PRIVACY!


Ps: Io non userò questa app, proteggo, così, anche i miei contatti e questo non toglierà ad alcuno l'amicizia o i legami che ci uniscono.


Se anche tu non sei d'accordo con l'app COVID-19, Non esitare a copiare. Grazie".


Importantissimo far girare questo messaggio anche perchè si rischia di finire nella rete di Immuni anche senza volerlo.


Quella che stiamo combattendo è una battaglia di libertà profonda. Dietro l'emergenza sanitaria hanno costruito una dittatura feroce e senza precedenti, che solo con la forza dell'unione popolare sarà possibile liberarsi.


Le catene della tirannia sanitaria si fanno sempre più pesanti, è giunta l'ora della ribellione.

Iniziando con boicottare Immuni e diffondere la disubbidienza come forma di resistenza.

Ormai quello che leggevamo nei romanzi di Orwell è diventata realtà, il regime del Grande Fratello si è imposto con la scusa del Covid e dovere di ogni uomo libero è combattere il tiranno.



369 visualizzazioni

La tua privacy è importante per noi, le tue informazioni sono sicure al 100% e non verranno mai condivise con nessuno

2020 © Cooperativa Editoriale Italia Futura, Via Paisiello 40 00191, Roma P. IVA 0000015628011007