• Redazione/litaliamensile

DALLA PUGLIA E DAL LAZIO PROVE DI OBBLIGO VACCINALE. È DITTATURA VERA!

DALLA PUGLIA E DAL LAZIO PROVE DI OBBLIGO VACCINALE.

È DITTATURA VERA!


di Michele Lollino


La commissione sanità della Regione Puglia da il via libera al regolamento per l'obbligo vaccinale degli operatori sanitari.


Questo è stato possibile, grazie ai voti degli astenuti e dei contrari sapientemente utilizzati che ha permesso per l'ennesima volta, il solito giochino politico, la pantomima alla quale siamo oramai abituati dove, la realtà che emerge è che: l'agenda è unica...


Sembra infatti che le tasche bramose della politica regionale pugliese siano in fibrillazione da quando Bill Gates ha annunciato per di voler parlare al Presidente del Consiglio italiano Conte in merito al possibile intervento finanziario che la fondazione Bill and Melinda Gates vuole dare in supporto alla ricerca sui vaccini in Italia.


Ma entriamo nello specifico: la Oxford University ha annunciato di aver trovato un vaccino contro il covid 19, una versione indebolita di un virus del raffreddore unita a una frazione del covid 19.


In Italia la sperimentazione del vaccino in collaborazione con la Oxford University sarà eseguita dalla IRBM-Advent, un'azienda di Pomezia che si sta occupando della sperimentazione sui volontari.

Al momento, secondo il CEO della società Di Lorenzo, su 320 volontari non ci sono state evidenze significative di tossicità.


Inoltre lo stesso CEO afferma: "bisogna rendere utilizzabile il vaccino già a settembre per vaccinare il personale sanitario e le forze dell'ordine in modalità di uso compassionevole".


Il colosso farmaceutico inglese AstraZeneca con CEO Pascal Soriot e 57500 dipendenti dati 2014, si occuperà della produzione e distribuzione del vaccino.


Stiamo parlando di 100 milioni di dosi entro dicembre 2020!


La multinazionale britannica (acquistata nel 2018 dalla RFSI di Rockfeller che possiede il 16,5% delle azioni), nel 2006 lancia (col placet la Food and Drug administration americana ), la sua linea di prodotti RFID, destinata al mercato statunitense prima e inglese poi, tra i quali il vaccino covid-19.


La multinazionale britannica in passato è stata coinvolta in diversi scandali: aprile 2010 condannata a pagare 520 milioni di dollari per promozione illegale del farmaco Seroquel senza l'autorizzazione della Food and Drug administration.


Nel 2007 acquisisce la MedImmune che si occupa di vaccini al fantasmagorico prezzo di 15. 2 miliardi di dollari.


Nel 2007 il caporedattore del New England Journal of medicine, nonché docente di medicina ad Harvard: Marcia Angell, durante un'intervista al periodico tedesco Stern, denuncia la AstroZeneca per aver falsificato i dati della sua ricerca sulla efficienza del farmaco Nexium (esomeprazolo).


Nel 1996 l'ex Ceo della AstroZeneca, Bildmann, viene accusato di evasione fiscale per un milione di dollari e obbligato a pagare 9,8 milioni per chiudere una causa per molestie sessuali nei confronti di impiegate della stessa azienda.


Nel 2008 la polizia svedese indaga sul possibile conflitto di interesse tra il neo premio Nobel Hausen (papilloma virus) e la AstroZeneca che produce il vaccino HPV.


Nel 2013 viene chiusa dalla Procura di Milano un'indagine che vede un'azienda fallita nel 2011, la Marvecs, come contenitore per manovre fiscali della AstroZeneca.


La Puglia è la seconda regione in Italia dopo l'Emilia Romagna ad introdurre l'obbligo vaccinale per gli operatori sanitari.


Si attendono le risposte dei sindacati lavoratori del Comparto Sanità Puglia, risposte, che dovrebbero essere simili a quelle del dottor Cifaldi della CISL Lazio (Sì, anche nella regione Lazio, Zingaretti, ha fatto la stessa cosa) "si rischia di avere un conflitto tra libertà individuale garantita dalla costituzione e l'assoluta necessità di tutelare la salute pubblica; un conto è una forte raccomandazione, un conto è l'obbligo pena inidoneità al servizio".

È di pochi giorni fa, la notizia, del monito della presidentessa della Consulta: Marta Cartabia che afferma che: "anche nell'emergenza la Costituzione non è sospesa né vi è un diritto speciale per tempi eccezionali".


In altre parole la Consulta mette il dito sull'abdicazione della politica che ha permesso a Giuseppe Conte di diventare non avvocato d'Italia ma bensì PREFETTO D'ITALIA.


1,806 visualizzazioni

La tua privacy è importante per noi, le tue informazioni sono sicure al 100% e non verranno mai condivise con nessuno

2020 © Cooperativa Editoriale Italia Futura, Via Paisiello 40 00191, Roma P. IVA 0000015628011007