• Giuliano Castellino

DA ROMA A VARESE IL GRIDO DI LIBERTA'!



DA ROMA A VARESE IL GRIDO DI LIBERTA'! di Saverio di Palma e Francesco Tomasella STATO DI POLIZIA E PAURA COLLETTIVA di Saverio di Palma, voce dai quartieri romani Come possono le forze dell'ordine stare a guardare ciò che accade oggi in Italia ai propri concittadini e continuare a difendere questo sistema? Potrebbero essere in difficoltà economiche i tuoi stessi amici e parenti. Cittadini che hanno paura di non riuscire a mantenere la propria famiglia, di non riuscire a pagare le tasse, ma allo stesso tempo di non riuscire a ribellarsi per paura di essere arrestati o prendere una stupida denuncia. Tutto questo sta portando il popolo alla disperazione e al suicidio visto l'aumento negli ultimi mesi. Sembra il film Hunger Games, il reality dove i ricchi guardano in tv i poveri uccidersi l'un l'altro, vedi Barbara D'Urso, Facebook e i vari social. I ricchi da una parte che se ne fregano dei poveri, dall'altra i poveri che lottano per la sopravvivenza l'uno contro l'altro. Divisi in quartieri dove i più deboli non ce la fanno, si lamentano su Facebook e sperano che prima o poi in Italia cambi qualcosa attraverso la condivisione di un post, che arrivi un politico che cambi qualcosa, lavorando il più possibile tante ore e accettare uno stipendio che non ti permette neanche di mettere su famiglia. Tutto questo è assurdo, ma purtroppo reale. Da una parte un governo che non protegge le proprie fabbriche, non protegge i cittadini e il loro futuro, dall'altra un popolo che ha paura di cosa gli aspetta nei prossimi giorni, mesi e anni. Gli italiani devono rimanere uniti, perché solo uniti possono lottare e riprendersi il futuro. Non suicidatevi, ribellatevi! VARESE LABORATORIO DI DITTATURA ORWELLIANA di Francesco Tomasella, Forza Nuova Varese Avevamo previsto fin da quando si è iniziato a parlare sempre più spesso di "Fase 2", che l'alternanza attraverso le famose tre fasi non avrebbe rappresentato un riavvicinamento alla normalità, ma uno sprofondamento nel nuovo Regime della Dittatura Sanitaria. Sono bastati un paio di giorni di assestamento nella fase 1 BIS, come coerentemente abbiamo scelto di chiamarla, ed ecco che vediamo riapparire diversi foschi presagi di dittatura all'orizzonte. Intanto ieri le forze di polizia si sono mostrate ancora una volta per quelle che sono: cioè forze di repressione della richiesta di libertà e diritti, andando a multare per ben quattrocento euro alcuni ristoratori che davanti l'Arco della Pace di Milano esponevano delle sedie vuote dietro lo slogan "Se apriamo falliamo"! Poi abbiamo appreso con sempre maggior evidenza in queste ore che la cura al plasma utilizzata negli ospedali di Mantova e Pavia contro il Covid 19 ha effetti quasi miracolosi! Eppure al massimo viene denigrata dal Ministro della Salute Speranza e dal nuovo "Guru" di tutti i "dotti, medici e sapienti" di regime, ovvero Roberto Burioni. Per ultimo ho lasciato quello che ritengo il più insopportabile segno dell'avvento della nuova epoca dittatoriale italiana, in primis perchè va a colpire l'infanzia, inoltre perchè si registra a Castellanza, nella mia provincia d'appartenenza, Varese. Lì, nella scuola per l'infanzia "Eugenio Contorni", si sta pensando di attaccare un bracciale "tieni distanza" ai polsi dei bimbi tra i quattro e sei anni, che dovrebbe illuminarsi e vibrare sotto il metro di separazione tra un bambino e l'altro, così da favorire fin da subito l'apprendimento del distanziamento sociale! Questo ha spiegato in un'intervista all'Ansa il Presidente dell'Istituto Fabio Morandi. Chiudo annunciando battaglia immediata a chiunque pensi di compromettere l'infanzia dei nostri bambini con questo genere d'iniziative riprovevoli! I bambini più di tutti hanno diritto di vivere gioiosamente , giocando e socializzando tra di loro. I bambini, tanto più indifesi, saranno con tanto maggior vigore protetti da noi militanti a difesa della nazione!

176 visualizzazioni

La tua privacy è importante per noi, le tue informazioni sono sicure al 100% e non verranno mai condivise con nessuno

2020 © Cooperativa Editoriale Italia Futura, Via Paisiello 40 00191, Roma P. IVA 0000015628011007