• Giuliano Castellino

CONTROVENTO (IL MURO DEL CANTO): L'INNO DEL POPOLO, L'INNO DELLA RESISTENZA

CONTROVENTO (IL MURO DEL CANTO):

L'INNO DEL POPOLO,

L'INNO DELLA RESISTENZA


Io me penso che le stelle

l’hanno messe alla rinfusa

l’ha buttate Dio ner cielo

ce l’ha messe in busta chiusa

Quando cascano d’estate

co’ ‘sta specie de preghiera

Chiedo la Rivoluzione

Pe’ distrugge ‘sta galera


Qua nun vedo più nessuno

che cammina Controvento

je ‘sta bene la condanna

j’hanno spento er sentimento

Nun se parla più de gnente

dentro ai dischi e sui giornali

Chi ha spezzato in due le penne

j’ha comprato le vocali.


Ma la storia fa vergogna

se fa nera come pece

Tutti vanno alla carogna

fatte il segno della croce.

E s’addormono sereni,

quattro giri de na chiave

pe’ fa viaggi immaginari

come dentro a n’astronave


E so’ come le scimmiette

segregate in quarantena

Sordi ciechi muti e vinti

nella gabbia del sistema.


I compagni cantautori

Culo e camicia

Coi padroni

Tutti ar mare coi cappelli

So’ gli eroi giovani e belli


Ma era tanto tempo fa

Se so’ fatti trasportà

Dalla moda de quer tempo

perché fischiettava er vento

Ma la storia è annata avanti

fra mille pagine segrete

C’ha schedati a tutti quanti

Semo cascati nella rete


Ma non stamo zitti e boni

S’addormimo a malapena

Se giramo e rigiramo,

ce sta stretta ‘sta catena

semo nati cor sorriso

pe’ esse fari in mezzo ar mare

chi ce vo’ tene’ legati finirà pe’ fasse male


Io lo sento che la gente

Nun la pò tené pe’ sempre

E sta rabbia che se inghiotte

Se farà se farà più prepotente

E stanotte nun m’addormo

Me preparerò all’azione

E ve svejerò domani

Quando canterà er cannone




230 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti