• Giuliano Castellino

CASTELLINO (FORZA NUOVA): IL DRAMMA NON SONO I NOMI, MA LE TROPPE CROCI SIMBOLO DI UN GENOCIDIO

CASTELLINO (FORZA NUOVA): IL DRAMMA NON SONO I NOMI, MA LE TROPPE CROCI SIMBOLO DI UN GENOCIDIO DI STATO!


Da giorni a Roma è scoppiata la polemica sui feti sepolti al cimitero Flaminio e dei nomi sopra le croci.


Sono scese in campo l'associazione Differenza Donna (che ha deciso addirittura di avviare un'azione legale per difendere la privacy violata) e le donne dell'Anpi, che hanno parlato di "negazione di conquiste ottenute con durissime lotte dalle donne contro l'oscurantismo e per la conquista della legge 194/78 sull'aborto".


Ricordiamo a tutti che, da quel 1978, i bambini italiani massacrati dall'aborto sono 6 milioni, che quello che loro chiamano "conquista" è un vero e proprio genocidio di Stato.


Quello che dovrebbe sconvolgere non sono i nomi sulle croci dei bambini assassinati, ma le troppe croci che simboleggiano una strage di innocenti che va avanti - legalizzata - da oltre 40 anni.


FORZA NUOVA continuerà a battersi per le vere conquiste, riconquistando il diritto alla vita.


A differenza delle tiepide e false opposizioni ancora una volta chiediamo a gran voce l'abrograzione della 194, senza se e senza ma.




1,123 visualizzazioni

La tua privacy è importante per noi, le tue informazioni sono sicure al 100% e non verranno mai condivise con nessuno

2020 © Cooperativa Editoriale Italia Futura, Via Paisiello 40 00191, Roma P. IVA 0000015628011007