• Giuliano Castellino

CASTELLINO (FORZA NUOVA): 25 APRILE, BELLA CIAO? L'ITALIA VI GRIDA "CIAO BELLI" E SCENDE IN STRADA



Roberto Fiore @RobertoFioreFN ·

#25aprile ore 17.00 Stop #dittaturasanitaria Un appello di libertà dall'Italia profonda! Oltre la destra e la sinistra, rompiamo la gabbia di una quarantena intollerabile. Fase 2 o 3 non fa differenza, è l'ora del risveglio: ci saremo, con il Tricolore!


https://twitter.com/RobertoFioreFN/status/1251807732635762694?s=20


CASTELLINO (FORZA NUOVA): 25 APRILE, ALTRO CHE BELLA CIAO, GLI ITALIANI VI GRIDANO "CIAO BELLI" E SCENDONO FINALMENTE IN STRADA!

CONTRO LA DITTATURA CONTE, GLI ARRESTI DI MASSA, PER LA VERA LIBERAZIONE. QUESTO 25 APRILE INNALZIAMO IL TRICOLORE AL POSTO DELLO STRACCIO ROSSO! Cento giorni fa, soli contro il mondo, in piena "emergenza corona virus", quando dalla Lombardia partì lo stato di pandemia, per prima gridammo libertà, per primi ci opponemmo agli arresti di massa, al terrorismo mediatico, alla tirannia sanitaria, al modello cinese. In questi cento giorni siamo stati gli unici a rompere la quarantena, a scendere in strada, a far uscire il nostro mensile, a lanciare messaggi forti e provocatori. Siamo stati in strada, in piena zona rossa - a San Pietro - per dire agli italiani di uscire da casa, dall'Ue, dalla Nato! Arrivarono gli attacchi di Saviano, del mainstream ed anche qualche sgambetto da chi non ce l'aspettavamo. Non abbiamo mollato. Nostri gli appelli alla moneta parallela per uscire subito dalla crisi e dall'euro e per il farmaco "TOCILIZUMAB". Abbiamo fatto rete con uomini liberi per la libertà delle messa, a Pasqua siamo stati quelli di Santa Maria Maggiore. Ma in questi cento giorni siamo stati sempre meno soli. Dal Papa alla gente comune, da grandi firme a pezzi di popolo, in molti si sono uniti alla nostra lotta di liberazione nazionale. Siamo stati gli unici in questi cento giorni a subire divieti dalla Questura (l'ultimo per la giornata di oggi per l'iniziativa "prendi a calci la quarantena, i romani contro gli arresti di massa"), ad essere multati sotto la nostra redazione perchè stavamo distribuendo L'Italia Mensile o perchè in strada domenica scorsa. O denunciati perchè abbiamo violato i divieti del regime. Per questo non possiamo che accogliere con favore l'appello che gira in rete per il 25 aprile! ANCHE NOI STAREMO IN PIAZZA CON GLI ITALIANI, COL TRICOLORE IN MANO, PER LE STRADE, ALLE ORE 17, A GRIDARE LIBERTA'. Non solo, facciamo nostro l'appello e lo giriamo a tutte le nostre sezioni, a tutti i nostri comitati, a tutte le nostre redazioni di Radio Italia Libera, a tutti i nostri militanti, simpatizzanti, amici e lettori. Lo giriamo a tutti i romani, a tutti gli italiani, a tutti gli uomini e le donne che hanno a cuore la libertà! Alla faccia di Saviano, di Lirio Abbate, il Gruppo l'Espresso ed i loro articoli mirati alla criminalizzazione: ancora una volta hanno dimostrato di essere emarginati nei salotti radical-chic della borghesia e lontani anni luce dal popolo, forse coccolati ed ancora tutelati dai palazzi del potere, ma distanti dai cittadini. Alla faccia di Report, Rai Tre e dei loro servizi... Alla faccia dell'Anpi, di chi vorrebbe farci cantare l'inno della sconfitta e del tradimento rinchiusi sui balconi, da partigiana tradizione. Alla faccia dei traditori del popolo, della Regione Lombardia e di Conte, del deep state, dell'Oms, della Cina e dell'Ue. Alla faccia del politicamente corretto, del pensiero unico, delle APP di controllo, delle pecore, del mondo degli uguali. 25 APRILE TUTTI IN STRADA, PER UN 25 APRILE DIVERSO, PER UNA VERA LIBERAZIONE. MA QUALE "BELLA CIAO", GLI ITALIANI VI GRIDANO "CIAO BELLI" E COL TRICOLORE IN MANO SCENDONO FINALMENTE IN STRADA CONTRO LA DITTATURA CONTE, LA TIRANNIA SANITARIA, IL TERRORISMO MEDIATICO, PER LA LIBERTA' ED IL RISCATTO SOCIALE E POPOLARE. Ancora una volta stiamo innalzando il Tricolore dove un tempo sventolava lo straccio rosso! Forza Nuova Roma è lotta e vittoria. QUESTO L'APPELLO CHE DA GIORNI GIRA IN RETE https://t.me/scendiamoinstradail25aprile 25 APRILE ORE 17:00 SCENDIAMO IN STRADA: COME CI RICONOSCETE? AVREMO LA BANDIERA ITALIANA! TUTTI IN STRADA CON FISCHIETTI E MEGAFONI. MACCHINE E CLACSON CHE SUONANO OVUNQUE. A PIEDI CON BANDIERA ITALIANA E PENTOLE, PADELLE, COPERCHI QUALSIASI COSA PER FARCI SENTIRE! CERCATE NELLE VOSTRE CITTA' E QUARTIERI CI TROVERETE CON LA BANDIERA ITALIANA! SIAMO OVUNQUE, SIAMO TANTI E SIAMO PRONTI IN TUTTA ITALIA! chi non ha la bandiera italiana mostri un fazzoletto bianco! 25 APRILE ORE 17:00 SCENDIAMO IN STRADA! Riprendiamoci la nostra libertà! Con questo grido invitiamo tutti coloro che vogliono essere LIBERI! Liberi di andare dove gli pare come da costituzione, che non vogliono più subire questa continua violazione psicologica tramite mainstream, che si oppongono ad ogni forma di violenza e regime dittatoriale, che non vogliono più subire le prepotenze del governo tramite vessazioni, che rifiutano ogni tipo di violazione della privacy per mezzo di video accusatori e spionaggio da parte di vicini di casa e o abitazione. Siamo quella parte d'Italia che non si arrende, quella parte della popolazione che non è più succube di mainstream e continue violenze psicologiche, quella parte di popolazione che vuole chiarezza e verità da parte di veri esperti e non dai soliti noti virologi di poco conto e task force inadeguate. Noi come popolo non riconosciamo il presidente del consiglio Conte, un presidente non eletto e scelto abusivamente contro il volere del popolo e quindi riteniamo nulli i suoi decreti incostituzionali, di regime dittatoriale in nome di un virus che probabilmente è già stato debellato. In questi 2 mesi siamo passati da una chiusura precauzionale di 20 giorni a una vera dittatura con conseguente fallimento economico, sociale e relazionale. Siamo dentro al più grande esperimento politico di terrorismo psicologico di massa su larga scala mondiale e i popoli di alcuni paesi come Brasile, Belgio, America-Michigan, Ucraina, Germania-Berlino e molti altri si stanno ribellando scendendo in strada ed esprimendo il loro dissenso a questo regime dittatoriale mascherato da lockdown! Ora più che mai il mondo aspetta un messaggio forte e chiaro anche dal nostro paese, dobbiamo farlo per noi stessi, per i nostri figli, per la nostra libertà e per il nostro futuro! Prepariamoci senza violenza, SCENDIAMO IN STRADA con cartelloni e manifesti, con fischietti e megafoni, con le auto e clacson, senza nessun simbolo politico perché ricordatevi che i politici ci hanno tradito! Uniamoci sotto il nostro tricolore per amore nostro e del nostro paese, tutti uniti italiani e stranieri come un unico popolo, un popolo sovrano! https://t.me/scendiamoinstradail25aprile 👆👆fallo girare ovunque

0 visualizzazioni

La tua privacy è importante per noi, le tue informazioni sono sicure al 100% e non verranno mai condivise con nessuno

2020 © Cooperativa Editoriale Italia Futura, Via Paisiello 40 00191, Roma P. IVA 0000015628011007