• Giuliano Castellino

CASTELLINO (FN): LASCIATE RIPOSARE I MORTI. GIORNALISTA TERRORISTA.


CASTELLINO (FN): LASCIATE RIPOSARE I MORTI. GIORNALISTA TERRORISTA.

COME DIVENTIAMO FORZA DI POPOLO, PARTE LA MACCHINA DEL FANGO, SOLITO SCHEMA.


È incredibile come i media siano strumento di regime e attacchino gli oppositori del sistema.


Lo schema è sempre lo stesso, come diventiamo forza di popolo e usciamo dal ruolo confezionato dal sistema su di noi si abbatte il terrorismo mediatico, che diventa tra l'altro schizofrenico e sciacallo.


Così in 24 ore divento "sodale criminale" di Fabrizio Piscitelli (ieri Il Fatto Quotidiano) e oggi un mio presunto "braccio destro" sarebbe stato intercettato nei giorni del suo omicidio (CorSera).


Vi chiediamo in primis di lasciare riposare in pace i morti.


Anche perché Fabrizio era un mio amico e di certo non rinnegherò un grande e disinteressato affetto per apparire "bello e buono" di fronte ai media di regime o per le logiche del politicamente corretto, ma tra l’essere amici e l’essere sodali c'è di mezzo il mare, ricordandovi sempre che Fabrizio è morto da uomo libero, nonostante le narrazioni mediatiche.


Inoltre, rispetto all'articolo di oggi del CorSera vorrei ricordarvi che quando successe la dolorosa disgrazia di Fabrizio ero detenuto per i fatti del Verano e che io non ho "bracci destri", che nessun nostro militante è coinvolto con vicende non legate alla militanza politica.


L'operazione è chiara: delegittimare la nostra lotta politica, criminalizzando la mia persona, i nostri militanti e la nostra presenza nei quartieri e tra le fasce popolari.


Soprattutto oggi che siamo presenti tra le numerosi iniziative e mobilitazioni di resistenza alla dittatura sanitaria, che siamo stati i primi a lanciare il guanto di sfida al sistema e siamo la prima linea contro la tirannia del Covid e delle nuove povertà.


La macchina del fango è funzionale a criminalizzare chi non si inginocchia al regime, chi non si mette la museruole e ha deciso di gridare ITALIA LIBERA e innalzare i tricolori, allargando il fronte a tutti gli italiani che vogliono abbattere la dittatura, superando vecchie ideologie.

1,256 visualizzazioni

La tua privacy è importante per noi, le tue informazioni sono sicure al 100% e non verranno mai condivise con nessuno

2020 © Cooperativa Editoriale Italia Futura, Via Paisiello 40 00191, Roma P. IVA 0000015628011007