• Giuliano Castellino

AVV TAORMINA: IL GOVERNO CONTE HA FATTO MORIRE 35.000 ITALIANI

AVV TAORMINA: IL GOVERNO CONTE HA FATTO MORIRE 35.000 ITALIANI


"Li sedavano e li lasciavano morire, cioè erano degli assassini.

Così il governo Conte ha fatto morire 35.000 cittadini italiani che la scellerata gestione del coronavirus si è portato via".

Questo il duro attacco dell'Avvocato Carlo Taormina contro l'esecutivo.


Ricordiamo che Taormina, tra i più grandi penalisti italiani, ex sottosegretario al Ministero degli Interni e da sempre uomo controcorrente, ha denunciato il Governo per crimini.


L'affondo del penalista ricorda a tutti la narrazione e gestione terroristica e criminale del Covid.


In Lombardia, per dichiarare la pandemia (che portò alla chiusura totale e al lockdown della Regione, dell'Italia e di mezzo mondo) vennero prima ricoverati i malati di Covid nelle RSA, condannando centinaia di anziani a morte (una vera strage), poi seguendo il protocollo dell'OMS, iniziarono a curare i malati nelle terapie intensive e con i respiratori, bruciando i polmoni delle persone e uccidendole.


Non solo.

Dopo aver masacrato centinaia di italiani, isolati, lasciati soli come cani, senza l'affetto dei propri cari, hanno bruciato i corpi (HANNO BRUCIATO LE PROVE DEGLI OMICIDI), vietando autopsie e funerali.


Questo nella Lombardia leghista!

(I morti - uccisi - infatti sono aumentati, rispetto agli anni passati, solo nella Regione a guida Fontana!)


Poi il terrorismo mediatico, come la scena delle casse e dei carri militari di Bergamo hanno fatto il resto.


A poco è servito capire che bastava curare i malati come fosse una trombosi e non una polmonite, oppure assumersi la responsabilità della strage nelle RSA.


Ormai con il terrore del Covid tengono sotto botta miliono di italiani e milioni di cittadino del mondo.

In quella che possiamo definire la terza guerra globale.




1,325 visualizzazioni

La tua privacy è importante per noi, le tue informazioni sono sicure al 100% e non verranno mai condivise con nessuno

2020 © Cooperativa Editoriale Italia Futura, Via Paisiello 40 00191, Roma P. IVA 0000015628011007