• Giuliano Castellino

ANNO 2030, TUTTO SI PUÒ AVERE, TRANNE LA LIBERTÀ! ECCO IL GRANDE RESET POST PANDEMIA.

ANNO 2030, TUTTO SI PUÒ AVERE, TRANNE LA LIBERTÀ! ECCO IL GRANDE RESET POST PANDEMIA.


BENVENUTI NEL 2030: NON POSSIEDO NULLA, NON HO PRIVACY E LA VITA NON È STATA MAI MIGLIORE.


Questo blog è stato scritto prima dell'incontro annuale del World Economic Forum dei Global Future Councils.

Ida Auken è una Young Global Leader e membro del Global Future Council on Cities and Urbanization del World Economic Forum.


GREEN ECONOMY, GRETA, 5G, NARRAZIONE DEL COVID, STATO DI POLIZIA E DI VIGILANZA, VACCINAZIONE DI MASSA, DIGITALIZZAZIONE, GLOVO, AMAZON, DAD E LAVORO DA REMOTO, ZOOM E SOCIAL, REPRESSIONE DEGLI OPPOSITORI:

VI RICORDA QUALCOSA?


CI STIAMO STRINGENDO IL CAPPIO DA SOLI!

Benvenuti nell'anno 2030.

Benvenuti nella mia città, o dovrei dire "la nostra città".

Non possiedo niente. Non possiedo un'auto. Non possiedo una casa. Non possiedo elettrodomestici o vestiti.

Potrebbe sembrarti strano, ma ha perfettamente senso per noi in questa città. Tutto ciò che consideravi un prodotto, ora è diventato un servizio.


Abbiamo accesso ai trasporti, all'alloggio, al cibo e a tutte le cose di cui abbiamo bisogno nella nostra vita quotidiana. Una dopo l'altra tutte queste cose sono diventate gratuite, quindi alla fine non aveva senso per noi possedere molto.

La prima comunicazione è diventata digitalizzata e gratuita per tutti. Poi, quando l'energia pulita è diventata gratuita, le cose hanno iniziato a muoversi rapidamente. Il prezzo dei trasporti è calato drasticamente.


Non aveva più senso per noi possedere un'auto, perché potevamo chiamare un veicolo senza conducente o un'auto volante per viaggi più lunghi in pochi minuti.


Abbiamo iniziato a trasportarci in modo molto più organizzato e coordinato quando il trasporto pubblico è diventato più facile, veloce e conveniente dell'auto. Ora non riesco a credere che abbiamo accettato la congestione e gli ingorghi, per non parlare dell'inquinamento atmosferico causato dai motori a combustione. Cosa stavamo pensando?

A volte uso la bici quando vado a trovare alcuni miei amici.

Mi piace l'esercizio e la corsa. In un certo senso ti riavvicini all'anima durante il viaggio.

Divertente come alcune cose sembrano non perdere mai la loro eccitazione: camminare, andare in bicicletta, cucinare, disegnare e coltivare piante. Ha perfettamente senso e ci ricorda come la nostra cultura sia emersa da uno stretto rapporto con la natura.

Nella nostra città non paghiamo l'affitto, perché qualcun altro sta usando il nostro spazio libero ogni volta che non ne abbiamo bisogno. Il mio soggiorno viene utilizzato per riunioni di lavoro quando non ci sono. Ogni tanto sceglierò di cucinare da solo.


È facile: l'attrezzatura da cucina necessaria viene consegnata alla mia porta in pochi minuti. Da quando il trasporto è diventato gratuito, abbiamo smesso di avere tutte quelle cose stipate in casa nostra. Perché tenere una macchina per la pasta e una cuoci crêpe stipate nelle nostre credenze? Possiamo semplicemente ordinarli quando ne abbiamo bisogno.

Ciò ha anche facilitato la svolta dell'economia circolare. Quando i prodotti si trasformano in servizi, nessuno ha interesse per le cose di breve durata. Tutto è progettato per durabilità, riparabilità e riciclabilità. I materiali stanno fluendo più rapidamente nella nostra economia e possono essere trasformati in nuovi prodotti abbastanza facilmente.


I problemi ambientali sembrano lontani, poiché utilizziamo solo energia pulita e metodi di produzione puliti. L'aria è pulita, l'acqua è pulita e nessuno oserebbe toccare le aree protette della natura perché costituiscono un tale valore per il nostro benessere. Nelle città abbiamo molto spazio verde e piante e alberi dappertutto. Ancora non capisco perché in passato abbiamo riempito di cemento tutti i posti liberi della città.

Shopping? Non riesco davvero a ricordare cosa sia. Per la maggior parte di noi, si è trasformato nella scelta delle cose da usare. A volte lo trovo divertente, a volte voglio solo che l'algoritmo lo faccia per me. Conosce i miei gusti meglio di me ormai.

Quando l'intelligenza artificiale e i robot hanno preso il sopravvento su gran parte del nostro lavoro, improvvisamente abbiamo avuto il tempo di mangiare bene, dormire bene e trascorrere del tempo con altre persone. Il concetto di ora di punta non ha più senso, dal momento che il lavoro che facciamo può essere svolto in qualsiasi momento. Non so davvero se lo definirei più lavoro. È più come tempo per pensare, tempo di creazione e tempo di sviluppo. Per un po', tutto si è trasformato in intrattenimento e la gente non voleva preoccuparsi di problemi difficili. È stato solo all'ultimo minuto che abbiamo scoperto come utilizzare tutte queste nuove tecnologie per scopi migliori rispetto al semplice ammazzare il tempo.

La mia più grande preoccupazione sono tutte le persone che non vivono nella nostra città. Quelli che abbiamo perso per strada. Coloro che hanno deciso che è diventato troppo, tutta questa tecnologia. Quelli che si sentivano obsoleti e inutili quando i robot e l'intelligenza artificiale si sono impossessati di gran parte del nostro lavoro.


Coloro che si sono arrabbiati con il sistema politico e si sono rivoltati contro di esso. Vivono diversi tipi di vita fuori città. Alcuni hanno formato piccole comunità autosufficienti. Altri hanno semplicemente soggiornato nelle case vuote e abbandonate di piccoli villaggi del XIX secolo.

Ogni tanto mi arrabbio per il fatto che non ho una vera privacy.


Da nessuna parte posso andare e non essere registrato. So che, da qualche parte, tutto ciò che faccio, penso e sogno è registrato. Spero solo che nessuno lo userà contro di me. Insomma, è una bella vita.


Molto meglio del percorso che avevamo intrapreso, dove è diventato così chiaro che non potevamo continuare con lo stesso modello di crescita. Stavamo accadendo tutte queste cose terribili: malattie legate allo stile di vita, cambiamenti climatici, crisi dei rifugiati, degrado ambientale, città completamente congestionate, inquinamento idrico, inquinamento atmosferico, disordini sociali e disoccupazione.


Abbiamo perso troppe persone prima di renderci conto che potevamo fare le cose diversamente....

Articolo originale: 🔻 https://www.forbes.com/sites/worldeconomicforum/2016/11/10/shopping-i-cant-really-remember-what-that-is-or-how-differently-well-live-in-2030/?sh=989143173509






571 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti