ICC INTELLIGENT CITIES CHALLENGE: LE TECNO-GABBIE DELLE CITTÀ DI DAVOS

L’iniziativa è nata dalla Commissione Europea per attuare ll’Agenda 2030 in varie città dell’UE.

Il programma per lo sviluppo delle cosiddette Città Intelligenti le condurrà verso la transizione verde e digitale.
In pratica il trionfo della Smart City nella Città dei 15 minuti, la tecno-gabbia pensata per la transizione ecologica nei cambiamenti climatici, dove la rete 5G nelle sue innumerevoli declinazioni digitali la fa da padrona insieme alla lotta contro la CO2.

Per iniziare l’attuazione del progetto, l’Europa ha individuato 64 città principali, 7 sono italiane e sono state selezionate per aderire al sostegno per l’edizione 2023-25, stanziati nell’edizione 2020-2022 già 1,9 miliardi di euro.

“Queste città rappresentano 17 paesi dell’UE e inizieranno ora il loro viaggio di due anni per creare una strategia di impatto e sviluppare soluzioni innovative che porranno la città in prima linea nella transizione verde e digitale attraverso i Green Deals local”, si legge dal sito dell’ICC.

Per l’Italia ci sono alcuni capoluoghi di provincia;
Firenze, Mantova, Pescara, Campobasso e Catanzaro
oltre ai comuni di Busto Arsizio (Varese) e Legnano (Milano).

Creata anche un’insolita e anomala Rete Svezia -Emilia Romagna.
Progetti analoghi sono già in essere a
Roma, Milano, Venezia, Trento, Torino e Messina.

(https://oasisana.com/2023/09/14/smart-city-citta-15-minuti-7-citta-ditalia-scelte-dalleuropa-firenze-pescara-mantova-campobasso-catanzaro-le-big-elenco-completo-2023-2025/)

Da: Dal Canale Telegram:
https://t.me/NOZTLITALIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *